Messina, anche oggi il candidato sindaco del centrodestra si decide domani :ilSicilia.it
Messina

verso le elezioni

Messina, anche oggi il candidato sindaco del centrodestra si decide domani

di
13 Aprile 2022

In teoria manca l’ufficialità, in pratica manca anche l’unità. Il nome del candidato sindaco di Messina per il centrodestra è quello di Maurizio Croce, che però è ancora in una sorta di limbo insieme ai “colleghi” candidati a Palermo, in un vortice di dichiarazioni, annunci, affondi, retromarce, scontri, che sembra lontano dal cessare.

Sul dirigente regionale c’è il sì di Ora Sicilia (Genovese) Sicilia Futura-Udc (Picciolo)  Forza Italia (Miccichè) Democrazia Liberale (Rao), ma mancano all’appello Lega e Fratelli d’Italia. Anche la giornata di ieri, inizialmente individuata nel week end scorso, come quella “decisiva” non ha portato nessuna novità palese. I big continuano a non trovare l’accordo e a parlare di unità mentre contestualmente litigano.

In realtà a Messina Fratelli d’Italia è orientata, per una serie di ragioni, a convergere su Croce, e quindi a non replicare la corsa solitaria come sta accadendo a Palermo con Carolina Varchi. Ma il via libera, che deve ovviamente avvenire con il sì di Giorgia Meloni, tarda ad arrivare ed è inserito nel puzzle complessivo.

Le altre incognite sono sulla posizione della Lega. C’è il parlamentare Nino Germanà che domenica ha ri-lanciato il guanto di sfida anche nei confronti di chi, dentro il suo partito a Messina gli preferisce Maurizio Croce.

Ogni giorno si annuncia che le 24 ore successive saranno quelle decisive, salvo poi far slittare di altre 48 ore le dichiarazioni. Il 12 giugno non è poi così lontano se si pensa che nel frattempo gli avversari sono già in campo e girano per villaggi, periferie e associazioni. Basile macina liste e candidati ed anche De Domenico e Sturniolo hanno preso la rincorsa. Inutile negare che lo strappo nel centrodestra c’è e si può soltanto rammendare. Difficilmente i mal di pancia e gli scontri saranno dimenticati e sarà sicuramente una campagna elettorale da “fratelli-coltelli”, ma ad oggi il centrodestra non è neanche ai nastri di partenza.

Gli incontri romani di ieri hanno visto una situazione ingarbugliata con le parti ancora lontane e una corda tirata al massimo. Si attende quantomeno la posizione di Fratelli d’Italia su Croce, un sì oppure un no. Finora si è passati da un no dei primi giorni ad un “ni”, ad un stiamo valutando. E non resta che concludere, ancora una volta, anche oggi il candidato sindaco si decide domani.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro