26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42
Messina

Sfida sempre più rovente per la sindacatura di Messina

Messina, Bramanti: “Io non ho pupi e nemmeno pupari. Campagna di fango contro di me”

15 Giugno 2018

“In queste ore mi asterrò dal commentare le deliranti e gravissime affermazioni che ancora una volta vengono rilasciate nelle ultime ore dal candidato sindaco Cateno De Luca. Le sue offese non meritano niente, neppure un commento”. Così Dino Bramanti rilancia il botta e risposta con De Luca, in una sfida per la sindacatura di Messina che si avvicina alla resa dei conti del ballottaggio del 24 giugno e si va sempre di più infiammando a suon di dichiarazioni durissime da parte di entrambi i candidati.

Io non ho pupi e nemmeno pupari – evidenzia Bramanti -. C’è una campagna elettorale di fango imperneata contro di me. Io rappresento la città nella sua interezza, quelli che mi hanno votato ed anche coloro che non ci hanno scelto. Abbiamo raggiunto quasi il 40% con la nostra coalizione e se avessimo vinto al primo turno saremmo già per le strade a pulire la città perché è sporca. Ho detto e ripeto che c’è un candidato sindaco plurindagato e pluriarrestato e stiamo ancora qui a parlare”. “Adesso la vera protesta è votare noi che il nuovo, il pulito e il cristallino. Il sottoscritto non ha mai avuto un procedimento giudiziario, nemmeno un solo avviso di garanzia. Ma questo per caso fa schifo? Io sono un sindaco autonomo, esperto e che non si è mai fatto comandare da nessuno nella propria vita”. 

Bisogna andare alle urne in massa. Io ci credo e sento che i messinesi saranno con me. Sono convinto – ha concluso il candidato del centrodestra – che i miei elettori non deluderanno tutti coloro che hanno bisogno di noi. Messina ha bisogno di essere governata, non vuole teatrini e spettacolini, necessita di essere amministrata seriamente e con grande impegno”. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.