Messina: buoni pasto per ogni turno oltre 6 ore agli infermieri dell'ospedale Papardo :ilSicilia.it
Messina

La sentenza della Cassazione

Messina: buoni pasto per ogni turno oltre 6 ore agli infermieri dell’ospedale Papardo

di
8 Marzo 2021

Hanno diritto a un buono pasto ad ogni turno di lavoro eccedente le sei ore, indipendentemente dall’orario svolto: vittoria per le infermiere e gli infermieri dell’ospedale ‘Papardo‘ di Messina che in Cassazione – con un verdetto che ha valore per tutto il comparto di lavoro – hanno visto respingere la tesi dell’azienda ospedaliera per cui avrebbero dovuto “provvedere alla consumazione del pasto prima di iniziare il turno pomeridiano ed il turno notturno” .

Insomma dovevano mangiare a casa senza reclamare nulla, anche dopo undici ore di lavoro che è la durata del turno notturno. Con il verdetto 5547 della Sezione lavoro, in particolare, gli ‘ermellini’ hanno condiviso quanto stabilito dalla Corte di Appello di Messina con la sentenza del dicembre 2018 nella quale si affermava che “il diritto alla mensa” deve essere “identificato con il diritto alla pausa” e dunque “il diritto alla mensa deve riconoscersi a tutti i dipendenti che effettuavano un orario di lavoro giornaliero eccedente le sei ore”.

Nel caso del ricorso pilota che ha azionato la battaglia per il buono pasto, sostenuta dal Nursind di Messina, il sindacato delle professioni infermieristiche, la rivendicazione ineriva i turni di lavoro dalle 13 alle 20, e quello notturno dalle 20 alle 7 del mattino. A combattere la battaglia in prima persona è stato Paolo Quartaronello, sindacalista e responsabile del Dipartimento delle Medicine presso l’ospedale ‘Papardo. L’avvio della vertenza risale al giugno 2011 e l’azienda ospedaliera ha perso in tutti i gradi di giudizio con condanna al risarcimento del danno in quanto l’infermiere promotore della causa aveva “provveduto a proprie spese al pasto”, come del resto i suoi colleghi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin