23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.33
Messina

rabbia a Taormina, Naxos, Castelmola e Letojanni

Messina-Catania, i sindaci della zona ionica denunciano: “Situazione disastrosa”

5 Febbraio 2019

Esplode la protesta dei sindaci per le condizioni disastrose della A18 Messina-Catania. Le piogge di queste ore e la momentanea chiusura della tratta Giardini-Roccalumera, con l’emblematico caos delle numerose auto rimaste impantanate durante il nubifragio di lunedì sera a Letojanni, stanno rappresentando il punto di non ritorno che spinge adesso gli amministratori del primo polo turistico siciliano a prendere in considerazione l’opportunità di un’azione forte che, a questo punto, sembra più di una semplice ipotesi. Una nota a firma congiunta è stata diffusa da Mario Bolognari (Taormina), Nello Lo Turco (Giardini), Alessandro Costa (Letojanni) e Orlando Russo (Castelmola).

“I sindaci di Taormina, Giardini Naxos, Letojanni e Castelmola – si legge nella nota – esprimono la loro preoccupazione per l’ennesima chiusura dell’Autostrada A18 avvenuta in data odierna. Il permanere della pericolosità per i pendolari e l’approssimarsi della stagione turistica, in un quadro di incertezze sugli interventi da realizzare, possono penalizzare gravemente il territorio comprensoriale”.

Denunciamo anche che, ad oggiconcludono i sindaci i lavori non sembrano procedere come sperato, nonché l’uso della SS 114 come unica soluzione alternativa. Per questo è stato dato mandato al sindaco di Giardini, Nello Lo Turco, di organizzare a breve un confronto con i vertici delle istituzioni responsabili”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.