Messina, Cateno De Luca pubblica i sondaggi: "Basile avanti. Fate vedere i vostri" :ilSicilia.it
Messina

verso le elezioni

Messina, Cateno De Luca pubblica i sondaggi: “Basile avanti. Fate vedere i vostri”

di
26 Maggio 2022

I sondaggi fanno irruzione nella campagna elettorale di Messina. E’ Sicilia Vera a rendere noti i risultati di un sondaggio commissionato alla società SWG e che vedono il candidato sindaco Federico Basile avanti e Maurizio Croce vicinissimi. Lo stesso sondaggio indica Basile vincente anche nelle due ipotesi di ballottaggio, sia con Croce che con De Domenico, sia pure con percentuali diverse.

A diffondere i dati è stato lo stesso Cateno De Luca per porre fine a indiscrezioni che da giorni circolavano in città a proposito di dati, percentuali, risalite, discese di notorietà. Il sondaggio adesso è pubblico ed aperto a tutte le “contestazioni”. In effetti alcune lacune ci sono, soprattutto i dati sui risultati delle liste non sono particolarmente attinenti alla realtà messinese ma sono proprio quelli che spostano l’ago della bilancia. E già da centrodestra e centrosinistra sono pronte le repliche.

Ma andiamo per ordine. Le interviste sono state realizzate con tecnica telefonica metodo Cati-Cami dal 18 al 24 maggio ad un campione di 1000 maggiorenni residenti a Messina.

La prima parte riguarda le tematiche che più interessano i messinesi ed ovviamente il lavoro è al primo posto per qualsiasi intervistato. La seconda interessa il giudizio sull’amministrazione uscente e il 41% la definisce abbastanza efficace d molto efficace il 14% (arrivando ad un totale di 55%). Ma la più importante riguarda gli orientamenti di voto e vede Basile avanti con una forbice 37%-41% seguito da Croce (27%-31%) e De Domenico (26%-30%). Gli indecisi sono il 22%. Stando a questi dati Messina potrebbe andare al ballottaggio e Swg ha valutato la doppia ipotesi. Anche al ballottaggio Basile vincerebbe.  Il candidato di Sicilia Vera batterebbe Maurizio Croce con 57% contro il 43% e anche De Domenico con un margine più ampio 59% contro il 41%.

Nelle analisi delle liste le 9 di Basile lo porterebbero al 40%, lasciando la coalizione di Croce al 28% e quella di De Domenico al 27,5%. Totaro si attestarebbe al 3% e Sturniolo all’1,5%. L’analisi delle liste è stata però la prima ad essere contestata dai competitor. Basti pensare che alla corazzata di Genovese, ovvero Ora Sicilia, viene data dal sondaggio una percentuale del 2,5%, una cifra di gran lunga lontana da quella che realmente prenderanno alle urne i 32 candidati, molti dei quali veri e propri “big” di vecchia data. Anche la lista Udc, che è targata Beppe Picciolo, viene data al 2,5%. Insomma su questo punto il sondaggio non appare attendibile.

Sul piano della notorietà Basile batte tutti i rivali con il 54% seguito da De Domenico (38%) e da Croce (32%). Però il 33% dichiara di non conoscere nessuno dei candidati sindaco e questo la dice lunga sulla distanza che si sta creando tra i cittadini ed i palazzi.

ECCO IL SONDAGGIO

SWG_Sondaggio Messina_mag2022

Stando a Swg il margine di recupero di Basile è alto e il bacino elettorale, attualmente indicato al 39% potrebbe salire. “Basta con le chiacchiere, ecco un sondaggio vero!-commenta Cateno De Luca– Il sondaggio, spiega De Luca, è stato eseguito dalla SWG azienda leader nel settore, che annovera tra i propri clienti LA7 e la RAI, solo per citarne alcuni. Lo pubblichiamo integralmente e ne abbiamo autorizzato la trasmissione alla AGCOM. Dopo tante voci incontrollate, ecco a voi dati certi e verificabili”.

Dal centrodestra le prime repliche riguardano appunto il dato sulle liste mentre da centrosinistra era stato Pietro Navarra in mattinata a commentare i dati di Palermo, che danno un testa a testa tra Lagalla e Miceli, secondo il sondaggio del Corriere della Sera: “Ecco allora, ad esempio, la situazione di Palermo come riportata oggi dal Corriere della Sera. Anche lì, tra l’altro, lo schieramento del Centrosinistra conta su 4 liste, contro le 9 del centrodestra.Il M5S è il primo partito con il 17% dei consensi e il PD il secondo con il 16%.Nel Centrodestra il sostegno degli elettori, come detto, è spappolato in 9 diverse liste e la più votata è quella di Fratelli d’Italia con quasi l’11% dei voti.Se riportiamo il dato di Palermo a Messina, il Centrodestra che schiera 8 liste a sostegno di Croce e 9 a sostegno di Basile rischia di fare un enorme flop. Il centro sinistra con le sue 4 liste, invece, si indirizza a superare il 30%. Inoltre, Franco De Domenico è accreditato ad essere il destinatario della quota maggiore di voto disgiunto che storicamente a Messina si aggira intorno al 15%. Non è il numero di liste, pertanto, a determinare il risultato finale, come qualcuno ci vuole far credere. È invece la credibilità dei candidati che le popolano, dei partiti e dei movimenti di cui sono espressione e il valore del candidato a Sindaco che li rappresenta tutti a determinare il risultato finale. Diffidate dagli “spacciatori di numeri”, ma fate affidamento sulle notizie vere e su ciò che le elezioni nel passato ci hanno insegnato.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.