Messina, Cisl e Antonio De Luca all'Asp: "La chiusura dell'hub in Fiera è scelta miope" :ilSicilia.it
Messina

No allo smantellamento

Messina, Cisl e Antonio De Luca all’Asp: “La chiusura dell’hub in Fiera è scelta miope”

di
26 Giugno 2022

Sull’ipotesi di chiusura dell’hub Fiera di Messina, disposta dall’Asp dal 1 luglio, si alzano le prime barricate a tutela di un servizio che può essere rimodulato e modificato ma non cancellato per di più in un periodo di ripresa dei contagi. A scendere in campo sono la Cisl e il deputato regionale Antonio De Luca.

Chiudere l’hub vaccinale della Fiera di Messina è la scelta più miope che si possa fare in questo momento” dichiara il segretario generale della Cisl Messina, Antonino Alibrandi, che commenta così l’ipotesi di smantellamento della struttura emergenziale realizzata per la lotta alla pandemia Covid.

“Chi pensa che l’emergenza Coronavirus sia terminata da qualche giorno probabilmente non sta leggendo i giornali o i bollettini che parlano di un rapido aumento dei casi in tutto il Paese e anche il nostro territorio non fa eccezione, con alcuni giorni in cui si è sfiorato anche il dato di mille nuovi positivi in 24 ore- prosegue Alibrandi- Proprio ora che i contagi aumentano e che, probabilmente, ci sarà necessità di un nuovo ciclo vaccinale per proteggere i cittadini, si smantella quello che si era costruito e che funzionava bene.Tutto questo mentre negli ospedali non vengono più somministrati i vaccini ai soggetti allergici o fragili. Insomma, secondo noi non è proprio questo il momento di abbassare la guardia. Non si può smantellare una struttura che è il riferimento più importante per il territorio”

Alibrandi sottolinea anche come si possa prevedere una emergenza lavorativa.

È chiaro che la chiusura dell’hub inciderà su tutti quei posti di lavoro e quelle professionalità che, in piena emergenza, si è dimostrato sono necessari per la prevenzione e la salute dei cittadini. Vorremmo capire che ne sarà di questi lavoratori”

I numeri dei contagi in aumento preoccupano molto la Cisl e proprio dell’impatto di un eventuale nuovo incremento dei casi sul mondo del lavoro si discuterà venerdì prossimo, 1. Luglio, nel corso dell’Esecutivo provinciale della Cisl Messina che si terrà a Francavilla di Sicilia, a Palazzo Cagnone, alla presenza del segretario generale della Cisl Sicilia, Sebastiano Cappuccio.

Analoga posizione per il deputato regionale del M5S Antonio De Luca: “La scelta dei vertici dell’Asp di Messina di  chiudere l’hub della Fiera dal primo luglio è incomprensibile- L’emergenza sanitaria  non è affatto terminata, come dimostra l’incremento dei casi Covid registrati in tutta la Sicilia, e anche a Messina, nelle ultime settimane. Smobiltare il presidio sanitario, diventato un punto di riferimento per l’intera cittadinanza, è assolutamente inappropriato in un momento così delicato  e proprio mentre gli esperti tornano a parlare del rischio di una nuova ondata della pandemia. Mi auguro che i vertici dell’Asp tornino indietro su questa assurda decisione e mantengano operativa la struttura. Se così non scriverò una lettera all’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza e sollevero’ il caso in commissione Sanità”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro