Messina, clamoroso ritrovamento di droga: 30 chili di marijuana dentro l'ambulanza :ilSicilia.it
Messina

il fatto

Messina, clamoroso ritrovamento di droga: 30 chili di marijuana dentro l’ambulanza

di
27 Febbraio 2021

I finanzieri del Comando provinciale di Messina hanno sequestrato, agli imbarcaderi dei traghetti che collegano la Sicilia alla Calabria, circa 30 chili di marijuana. La droga era nascosta a bordo di un’ambulanza, individuata durante i controlli effettuati sugli automezzi che sbarcano dai traghetti provenienti da Villa San Giovanni.

Fondamentale si è rivelato il fiuto del cane antidroga Ghimly che ha permesso di scoprire nel mezzo di soccorso oltre 50 confezioni di marijuana, per un totale di circa 30 chili. La droga, se immessa sul mercato avrebbe potuto fruttare circa 300.000 euro.

L’autista dell’ambulanza, un messinese di 40 anni, il cui nucleo familiare percepisce il reddito di cittadinanza, è stato arrestato per traffico di sostanze stupefacenti e successivamente sottoposto a custodia cautelare in carcere, in attesa di giudizio, a disposizione dell’Autorità giudiziaria di Messina. Stessa sorte per il complice del traffico, un 46enne, anch’egli messinese, con precedenti penali, percettore di reddito di cittadinanza. Sequestrati contanti, telefoni cellulari e una pistola “a salve” priva del tappo rosso.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin