Messina, Clelia Marano: "Sulle politiche dell'infanzia si svegliano tutti in campagna elettorale" :ilSicilia.it
Messina

verso le elezioni

Messina, Clelia Marano: “Sulle politiche dell’infanzia si svegliano tutti in campagna elettorale”

di
24 Maggio 2022

In campagna elettorale, come sempre accade, fioccano le proposte sui vari settori. E non possono mancare le idee sulle politiche per i minori. Così sta accadendo a Messina anche in questi giorni.

Da Basile a De Domenico, sembra che tutti si siano risvegliati sulle politiche per i minori. Dal potenziamento dei servizi sino alla destinazione di aree giochi per bambini, propongono la riqualificazione degli spazi verdi della città. La domanda sorge spontanea: perché non ci hanno pensato prima? Gli schieramenti tradizionali sono quelli che hanno avuto l’opportunità di governare questa città. E mentre in campagna elettorale gli interessi verso le politiche sui minori si riaccendono, gli amministratori ci consegnano una città disastrata sotto questo punto di vista. E nessuno sembra volere accettare che la responsabilità politica ricada su tutti quelli che sono passati da Palazzo Zanca in questi ultimi dieci anni”. Così, in una nota, interviene Clelia Marano, assessore designato all’Inclusione e all’Infanzia da Gino Sturniolo, candidato a sindaco con la lista “Messina In Comune”.

Marano ricorda come negli ultimi anni siano stati chiusi i pochi spazi verdi adibiti allo svago per i più piccoli. Villa Mazzini da ottobre quest’area è chiusa al pubblico per lavori di riqualificazione e non esiste un’alternativa.

È bastata la chiusura della villa per mandare in panico le famiglie messinesi con prole a seguito- continua Clelia Marano-. Gli altri pochi spazi previsti per l’area centro-nord della città, invece, sono lasciati all’incuria e all’abbandono. Giochi divelti, situazioni pericolanti, sporcizia e contesti poco gradevoli sono la non alternativa per i più piccoli di questa città. La verità è che lo stato delle villette e delle aree verdi sono lo specchio della reale attenzione istituzionale che chi si è seduto fra le poltrone di Palazzo Zanca ha avuto per le famiglie e i minori di Messina

A Messina, evidenzia l’assessora designata, sono circa 102 gli utenti che usufruiscono dei servizi comunali socio-educativi per la prima infanzia (resoconto dell’amministrazione 2020-2021), contro gli 895 della provincia (dati Istat 2019). Di questi la quasi totalità dei servizi riguarda i nidi e le sezioni primavera. L’offerta siciliana relativa agli stessi servizi gestita dai comuni o da terzi per conto dei comuni è di 6.226 utenti soddisfatti.

Il comune di Messina per tanto soddisfa solo l’1,65% di questi utenti – fa notare Clelia Marano – È evidente che c’è un problema. Questo dato denota quanto questa tipologia di servizi, che dovrebbe contribuire a conciliare meglio i tempi di lavoro per le famiglie messinesi, sia lasciata sostanzialmente in mano ai privati. Tutto questo ovviamente aumenta drasticamente il divario di opportunità tra le famiglie messinesi

La Messina Social City gestisce i servizi essenziali che ogni ente locale deve garantire, tra i quali l’assistenza domiciliare per anziani e disabili, il trasporto, lo scuolabus, le case di riposo per anziani, gli asili nido, ecc. Prima della Messina Social City, ad esempio, il servizio per l’assistenza domiciliare era tarato per servire un’utenza di 1.000 anziani più 185 disabili.

Oggi, l’utenza alla quale la Messina Social City si rivolge è costituita da 669 persone tra anziani e disabili – sottolinea – Alla luce di tutto questo possiamo constatare che i servizi sociali sono insufficienti sia in termini di personale che in termini di erogazione di servizi, a fronte di un sempre maggiore fabbisogno da parte delle famiglie”

«Per fare un esempio, mancano servizi i pre-scolastici e post-scolastici, che dovrebbero essere erogati dall’ente locale e che consentirebbero alle famiglie una maggiore conciliazione dei tempi lavoro-famiglia. Basterebbe utilizzare del personale adeguatamente formato che accoglie i bambini prima dell’orario di entrata. Sarebbe un grande passo avanti nel sostegno alle famiglie, in particolare alle mamme e a quei nuclei mono genitoriali – sostiene – Ma rimarrebbe comunque il punto nodale, ovvero la mancanza di personale: è superfluo dire che la qualità dei servizi deve essere accompagnata dalla quantità di operatori adeguatamente formati. Al di là dei fondi regionali, europei o statali, diventa fondamentale reperire risorse proprie. Tutto questo non può prescindere dalla questione del piano di riequilibrio finanziario del Comune. Ed è qui che assume ancora più forza la proposta di “Messina In Comune” e del nostro candidato sindaco Gino Sturniolo, il progetto prevede di condurre una vertenzialità per uscire dai canoni attualmente previsti per il riequilibrio finanziario».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.