Messina: dalla Regione 75 milioni per Risanamento, precari e parcheggi :ilSicilia.it
Messina

pioggia di fondi regionali per la Giunta De Luca

Messina: dalla Regione 75 milioni per Risanamento, precari e parcheggi

di
7 Agosto 2019

Tra fondi per il Risanamento – 13 milioni di euro – e quelli in arrivo per la stabilizzazione dei precari pari a circa 45 milioni, nonché altri 17 milioni di euro per la realizzazione di parcheggi di interscambio che andranno ad integrare il sistema del trasporto pubblico locale, il Comune di Messina potrà beneficiare di 75 milioni di contributi regionali. Importanti risorse, dunque all’orizzonte per le casse di Palazzo Zanca e per l’attività dell’Amministrazione guidata dal sindaco Cateno De Luca.

“Una delle anomalie che ho riscontrato nel bilancio comunale – afferma De Luca – era l’assenza di risorse da richiedere alla Regione per il contributo annuale circa la stabilizzazione dei lavoratori precari. Mi sono adoperato in tal senso, con l’ausilio del segretario generale Rossana Carrubba, per scrivere un emendamento e far recuperare al comune di Messina queste risorse almeno per il futuro. Grazie all’on. Danilo Lo Giudice ed al beneplacito del presidente del Parlamento siciliano, on. Gianfranco Miccichè è stata inserita nella legge di stabilità 2019 la norma che ha destinato al comune di Messina e ad altri 44 comuni siciliani le risorse per le stabilizzazioni dei lavoratori precari fino al 2038, con una cadenza di 2,3 milioni di euro l’anno”.

Anche piazze come Agrigento, Catania, Siracusa, Trapani, Enna e altri territori beneficeranno del contributo destinato ai comuni che hanno stabilizzato i precari nel quinquennio appena trascorso. “Dal 2015 al 2018 – continua De Luca – grazie alle precedente amministrazioni si sono persi oltre 10 milioni di euro. Un danno per le esigue casse comunali, gestite in modo scriteriato da chi pensava più al Tibet che alla propria città”.

Baracche a Fondo Saccà (ME)“A termine della proficua trasferta palermitana, presso l’Assessorato regionale delle Infrastrutture, abbiamo ultimato i passaggi – aggiunge De Luca –per l’acquisto di circa 200 immobili da destinare alle famiglie che vivono nelle baracche. Grazie allo stanziamento di circa 13 milioni abbiamo risolto un’altra stortura che in questi anni ha parecchio rallentato l’iter di acquisto degli alloggi. Un plauso all’intermediazione dell’assessore Marco Falcone, mediante il quale non sarà più necessario un decreto regionale per l’acquisto di ogni alloggi. La Regione trasferirà le risorse finanziarie per consentire il pagamento alla stipula dell’atto di compravendita. Stiamo cercando in tutti i modi di restituire dignità alla nostra città”.

“Con grande soddisfazione inoltre – conclude De Luca – anticipo che entro settembre sarà pubblicato il decreto dirigenziale che porterà a Messina altri 17 milioni di euro per la realizzazione di parcheggi di interscambio che andranno ad integrare e supportare il sistema del trasporto pubblico locale, varato sotto la mia gestione. Tale attività è sinergica alle strategie del PGTU e della visione di città che ci siamo dati. Ringrazio il vice sindaco, Salvatore Mondello che ha seguito nel dettaglio l’intero iter approvato in tempi record dal consiglio comunale con grande senso di responsabilità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.