16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.38
Messina

bordate a Pd e M5S

Messina, De Luca attacca le opposizioni: “Io sindaco senza lobby alle spalle, lasciatemi lavorare”

24 Maggio 2019

La macchina del fango continua senza sosta nel tentativo di delegittimare la volontà popolare che chiede il cambiamento. Comprendo che non sia stato semplice bere l’amaro calice della sconfitta, ma ritengo che Pd, così come il M5S debbano far pace con se stessi e andare avanti”. Cosi il sindaco di Messina, Cateno De Luca, replica alle accuse di uso della carica istituzionale per scopi privati.

“Le accuse a me rivolte in chiusura di campagna elettorale – continua il sindaco – sono frutto della paura. Del M5S perché il castello di sabbia su cui hanno costruito il loro consenso si sta sgretolando. Per Saitta perché senza un nemico da combattere, sprofonderebbe nell’oblio dell’anonimato a cui è stato relegato dopo la pesante sconfitta elettorale”.

“Mi sono fatto promotore – sottolinea De Luca – di un malessere delle ex Province che adesso porterò a Roma e mi si attacca. Con il Risanamento chiediamo i poteri speciali per ridare dignità agli sbaraccati, e mi si attacca. Dopo sette anni inauguro una piscina comunale che era meta di degrado e mi si attacca. Vergognatevi”.

“Sarebbe più comodo – conclude il primo cittadino – amministrare come chi mi ha preceduto, vivendo di rendita per essere immune da critiche, ma non fa per me. La mia ricetta di buon governo che è valida per Messina così come per la Regione prevede una sola via: rivendicare ciò che ci appartiene per camminare con le nostre gambe. Dimostrare con forza che non siamo più disposti a prestare il fianco a umilianti compromessi che altri hanno sottoscritto in cambio delle briciole. Voglio ricordare loro che io sono sempre stato eletto e mai designato da lobby. Forte dell’autorevolezza che proviene dal ‘Popolo Sovrano’ chiedo dunque che tacciano per sempre su certi argomenti”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.