Messina, De Luca fa dietrofront: "Potrei ritirare le mie dimissioni" :ilSicilia.it
Messina

Nelle baracche ancora 53 mila mq di amianto

Messina, De Luca fa dietrofront: “Potrei ritirare le mie dimissioni”

di
5 Settembre 2018

Il Consiglio comunale di Messina approva all’unanimità la delibera per la costituzione dell’Agenzia per il Risanamento, proposta dal sindaco Cateno De Luca e il primo cittadino annuncia un “mezzo passo indietro” sulla volontà di dimettersi per l’ostracismo dell’assemblea.

“I provvedimenti si possono bocciare, approvare, emendare, purché in tempi normali. Ha fatto capire che l’annuncio delle dimissioni era più collegato al voler evitare di essere tenuto “a bagnomaria” con i tatticismi che allo scontro del 30 agosto scorso. Ho già ringraziato i consiglieri e, a seguito di quanto avvenuto, potrebbe scaturire la mia decisione di ritirare le dimissioni”, fa sapere De Luca.

“Si tratta di difendere e rilanciare Messina – ha spiegato De Luca -. Ora sono pronto ad individuare le regole di buona e costruttiva convivenza con il Consiglio comunale modificando alcune norme del regolamento consiliare per evitare le solite imboscate sui tempi di trattazione degli argomenti proposti dal sindaco e dalla Giunta municipale. Su questo argomento il sindaco può solo proporre mentre è il Consiglio che deve esaminare ed approvare le nostre richieste di modifiche: chiedo soltanto tempi certi e trasparenza sulle manifestazioni di voto di ogni singolo consigliere comunale. Spero il 30 settembre di convertire il nostro programmato commiato in una articolata relazione di inizio di un lungo e proficuo mandato elettorale”.

Dopo il via libera alla delibera sul risanamento, si va, insomma, verso una convivenza istituzionale, non semplice ma di fatto doverosa, tra la Giunta di De Luca e il Consiglio comunale dopo giornate di reciprochi attacchi tra le parti.

giunta de lucaUna “tregua armata”, come in tanti la definiscono a Messina ma che può rappresentare il punto di partenza della legislatura. “E’ un patto tra gentiluomini per un percorso di rilancio della Città di Messina, tenendo conto che mi sono confrontato con le deputazioni regionali e nazionali a cui ho dato copia di questa proposta di delibera pregandoli tutti, per i rispettivi ruolo e le loro competenze, di mettersi a disposizione della Città di Messina”, così De Luca ha commentato la situazione.

De Luca ha annunciato di essersi confrontato con l’Asp e con l’Arpa sulla drammatica situazione delle baracche di Messina: “Ad oggi ci sono 53 mila mq di amianto, stiamo parlando di una superficie pari a circa cinque campi di calcio. E’ una situazione drammatica, da affrontare subito e con urgenza, senza dividersi o litigare. E’ un’emergenza sanitaria, di salute e di dignità umana da restituire alle famiglie che vivono ancora nelle baracche”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin