Messina, De Luca: "I droni possono volare, ma dov'è la circolare?" | VIDEO :ilSicilia.it
Messina

l'annuncio con "giallo"

Messina, De Luca: “I droni possono volare, ma dov’è la circolare?” | VIDEO

31 Marzo 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Annuncio con “giallo” a Palazzo Zanca.

Il sindaco di Messina Cateno De Luca, esulta per il via libera all’utilizzo dei droni ma poi chiede la conferma ufficiale alla Prefettura e al Ministero dell’Interno. “I nostri droni possono volare, è un’altra battaglia vinta contro le burocrazie ministeriali. Ma al momento non si trova in giro la circolare”, afferma il primo cittadino.

“Attenzione, c’è un lancio stampa in cui si dice che si possono finalmente utilizzare i droni per l’emergenza coronavirus. C’era stata una circolare del Capo della Polizia di Stato che decretava lo stop, per dei dubbi e per la necessità di relativi approfondimenti. Noi siamo andati avanti con i test e adesso apprendo che c’è il via libera con una nuova circolare del Prefetto Gabrielli che consentirebbe di utilizzare i droni, dicendo che la Polizia locale può tornare ad utilizzarli per fare rispettare le misure di contrasto al contagio da Covid-19″. 

“Ma chi è che deve comunicarci questa circolare? Dov’è questa circolare? Esiste? Pare sia stata pubblicata ieri e ancora non ce l’ha notificata nessuno. Chi deve notificarcela? Il piccione viaggiatore? Ma la vogliamo finire? Ce la notificherete dopo che finisce la guerra? Certo che poi uno s’incazza e s’indigna. E’ la Repubblica delle Banane, l’ho detto e l’ho ripeto. Facciamo volare i droni una volta per tutte e fateci avere questa circolare”, chiosa De Luca. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.