Messina, De Luca ne ha per tutti: "Danni economici enormi, numerose ipotesi di reato" :ilSicilia.it
Messina

1350 pagine di fuoco

Messina, De Luca ne ha per tutti: “Danni economici enormi, numerose ipotesi di reato”

di
30 Settembre 2019

Il sindaco di Messina Cateno De Luca ha presentato una relazione sullo stato dei conti del comune di Messina e delle partecipante che si compone di 1350 pagine dai toni roventi: “Sono quattro tomi, c’è tutto, anche le condizioni ambientali in cui abbiamo operato“.

Nella mia relazione ci sono numerose ipotesi di reato, ed io da pubblico ufficiale non faccio altro che registrarle, metterle in chiaro e quindi trasmettere gli atti, come ho già fatto per altre questioni delicatissime. Parlo di elementi – sostiene il primo cittadino – che vanno presentati all’Autorità Giudiziaria che ha il compito di fare le sue valutazioni”.

Questa mia relazione andrà a finire alla Procura della Repubblica e al Prefetto di Messina. – attacca duramente De Luca – Sia chiaro che non possiamo subire minacce e avere il timore di reazioni di certi ambienti perché stiamo portando avanti un’azione complessiva di legalità“.

“E’ passato un anno dalla mia elezione e sin dal primo giorno ho cercato di dare risposte. Per questo voglio dare conto ai cittadini di quello che è stato fatto ed è obbligo di legge fare una relazione che va dibattuta in Consiglio comunale entro 10 giorni dal deposito ufficiale. Io ho fatto una relazione molto sofferta, perché era la prima, da sindaco subentrato ad altri e in questi casi va tracciato uno spartiacque con una radiografia definitiva di quello che abbiamo ereditato. Ma dobbiamo soprattutto far comprendere cosa abbiamo fatto per risanare, cominciare a risanare, i mille problemi della Città di Messina”. 

il comizio di De Luca in piazza Municipio

“Il primo anno abbiamo fatto un’attività di riassetto del palazzo, con un intervento strutturale che serve per correggere ciò che non è compatibile con la propria visione. Il tempo dirà se sarà stato fatto ciò in modo giusto o sbagliato. Se certe cose ancora non partono è perché a monte ci sono state difficoltà che ne hanno rallentato, ostacolato o impedito la partenza. Ma noi non ci fermiamo e lo diciamo e andiamo avanti, senza se e senza ma nell’interesse di Messina e dei messinesi, per rilanciare questa città che è stata per troppo tempo mortificata”. 

Noi abbiamo messo in campo le nostre soluzioni concrete e fattive per risanare e rilanciare Messina ma abbiamo intanto posto in essere un’attività di monitoraggio, verifica e controllo. Abbiamo tenuto tutti sotto tensione e chiesto di dare conto del loro operato. Il sistema delle partecipate non era abituato a confrontarsi con un sindaco o a rendere conto del loro operato. Ecco perché si è arrivati alle estreme conseguenze”. 

“A Messina – aggiunge De Luca – sono state condizionate in passato le partecipate e l’intera città. Oggi abbiamo una squadra che lavora bene insieme e in un clima di armonia. Hanno accusato gli assessori e i vari rappresentanti della mia Amministrazione di essere “yes man” ma la legge prevede che i componenti dei vari organi amministrativi li nomina il sindaco ed ecco perché devono dare costantemente conto del loro operato. E’ finita la fase dove ogni partecipata dava il colpo di grazia alla città e coltivava le sue clientele. Tango pagava pantalone, i pantaloni dei cittadini. Una sola società che non è stata fallire me la dovrebbero indicare, e che non abbia avuto il barbaro destino di un fallimento occultato che ha creato un danno economico di cui dovrà dare conto.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.