Messina, De Luca pesca tra i mal di pancia. Arbuse da Fratelli d'Italia: "Non sono il solo" :ilSicilia.it
Messina

verso le elezioni

Messina, De Luca pesca tra i mal di pancia. Arbuse da Fratelli d’Italia: “Non sono il solo”

di
21 Aprile 2022

I mal di pancia nel centrodestra potrebbero portare acqua al mulino di Cateno De Luca e Federico Basile. Già Nino Germanà, siglando l’intesa di Prima l’Italia con il benestare di Salvini, ha motivato la sua decisione con la volontà di dare un’alternativa a quei messinesi di centrodestra che non vogliono votare Croce. E mentre è probabile che nella Lega-Prima l’Italia di Messina ci sarà anche chi sbatterà la porta per sostenere Maurizio Croce, ci sono altri mal di pancia tra gli alleati del centrodestra. Ed è a quelli che guarda Cateno De Luca.

C’è chi, come Silvano Arbuse, ex assessore comunale ed esponente della destra messinese da sempre, ha deciso, pur continuando a considerare Fratelli d’Italia, il suo punto di riferimento, di dissentire dalle scelte locali del partito (che appoggia Croce), e candidarsi al fianco di Federico Basile. E aggiunge di non essere il solo a pensarla così, quantomeno in Fratelli d’Italia.

La mia non è una presa di posizione contro Croce- spiega Arbuse– che merita tutto il mio rispetto, in termini umani, bensì contro una pratica politica di cui è espressione e che non possiamo più tollerare. La decisione incredibile di sostenere Maurizio Croce, ex assessore regionale di Crocetta e del centro-sinistra, favorisce, di fatto, il candidato ufficiale del Pd, che ne uscirebbe avvantaggiato nel voto a seguito della perdita del consenso del nostro elettorato di riferimento che, a mio parere, non comprende e rimane disorientato”.

Arbuse specifica di voler restare in Fratelli d’Italia, declinando comunque qualsiasi ruolo, e di considerare il suo non un cambio di bandiera ma l’esatto contrario.

La mia è la conferma degli ideali di quel centrodestra che ho rappresentato anche in questa città. Votare un candidato che è stato espressione del centrosinistra non può appartenermi- continua Arbuse– Di più, Croce è stato proposto in prima battuta da un partito da sempre in quella opposta area politica e solo recentemente approdato tra quelli storici della coalizione cui appartengo da sempre. Mi è pertanto difficile superare l’arroganza mostrata da un partito che, appena insediatosi nelle file del centrodestra, indica addirittura il candidato sindaco di coalizione, e non comprendo come tale arroganza sia stata accettata e addirittura ne sia stata condivisa la proposta, se non con accordi tra consorterie. Senza alcuna presunzione, mi sento di poter affermare che questa mia posizione non è una voce isolata, bensì la voce di tante comunità che si sentono tradite e che aspettano di essere rappresentate dignitosamente”.

Nel frattempo De Luca apre le porte agli autonomisti di Lombardo ed alla nuova Dc di Cuffaro. “ Sono in attesa di un loro riscontro. Il mio appello è a quanti non hanno finora governato Messina. E non è finita qui….”.

Di mal di pancia in mal di pancia, indipendentemente dalle origini del malore, l’ex sindaco di Messina vuol potenziare le liste di Basile e nel contempo gettare ulteriori basi per la sua corsa a Palazzo d’Orleans.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.