Messina Denaro andrà a processo per le stragi Falcone e Borsellino. "È uno dei mandanti" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Caltanissetta

In aula anche l'altro aggiunto Lia Sava e il sostituto della Dda Stefano Luciani

Messina Denaro andrà a processo per le stragi Falcone e Borsellino. “È uno dei mandanti”

23 Gennaio 2017

Il boss latitante Messina Denaro rinviato a giudizio per le stragi di mafia. Su richiesta del procuratore aggiunto di Caltanissetta Gabriele Paci il tribunale ne ha disposto il giudizio per aver ordinato gli attentati di Capaci e via D’Amelio, in cui persero la vita i magistrati Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli agenti delle scorte.

messina-denaro-2Paci, durante la sua discussione nell’udienza preliminare, ha sostenuto che “Messina Denaro prese parte a una riunione della commissione di Cosa nostra alla fine del ’91 a Castelvetrano in cui Totò Riina decise di dare via alla strategia stragista, prevedendo che la Cassazione avrebbe di lì a poco confermato le condanne del primo maxi processo contro la mafia”. Inoltre, sempre secondo la Procura nissena, Messina Denaro “avrebbe inviato a Roma, su ordine di Riina, diversi sicari per uccidere Giovanni Falcone nei primi mesi del ’92, mentre questi era direttore degli Affari penali del Ministero della giustizia“. La cosiddetta “missione romana” non andò in porto perché poi Riina richiamò i sicari in Sicilia per eseguire l’attentato nell’isola. In aula con Paci anche l’altro aggiunto Lia Sava e il sostituto della Dda nissena Stefano Luciani. Alla richiesta di rinvio a giudizio si sono associati i legali di parte civile dei familiari delle vittime e di alcuni enti e associazioni, mentre il difensore di Messina Denaro – l’avvocato Giovanni Pace – ha chiesto il proscioglimento del boss di Castelvetrano, considerato l’attuale capo di Cosa nostra.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona