Messina, dopo 35 anni di attesa nascerà al Palacultura la Cineteca Comunale :ilSicilia.it
Messina

il fatto

Messina, dopo 35 anni di attesa nascerà al Palacultura la Cineteca Comunale

di
25 Aprile 2022

Son passati ben 35 anni dal giorno in cui, nel lontano 1987, l’amministrazione dell’epoca acquistò per 80 milioni di lire, oltre 500 film e più di 300 presentazioni di film, nonché locandine, materiale pubblicitario ed una macchina da proiezione, per realizzare la prima cineteca comunale.

Al di là delle buone intenzioni per creare uno spazio dedicato al cinema quel prezioso patrimonio finiì in un deposito del Teatro Vittorio Emanuele. All’epoca si disse “temporaneamente”, ma quelle pellicole sono rimaste nel deposito fino a pochi giorni fa quando il commissario straordinario del Comune Leonardo Santoro ha dato seguito ad una delibera di fine gennaio 2022.

Pellicole e manifesti, l’intero fondo di proprietà del Comune è stato finalmente trasferito al Palacultura, là dove sarà realizzata la Cineteca Comunale.

La proposta era stata presentata ad inizio anno dall’Associazione Cineforum Don Orione, impegnata da decenni nella promozione e valorizzazione del settore, con eventi, organizzazione di proiezioni, incontri con gli autori, seminari, mostre.

A fine gennaio quindi il protocollo di intesa tra l’Associazione Cineforum Don Orione e il Comune di Messina per l’istituzione della Cineteca Comunale per le attività di catalogazione, conservazione e valorizzazione al fine di offrire la fruizione a cultori e studiosi che hanno atteso per tre decenni.

In un’epoca di profonde mutazioni tecnologiche e sociali, auspico – ha detto il Commissario Straordinario Leonardo Santoro – che i materiali cinematografici e le relative strutture di supporto che faranno parte della Cineteca possano creare una rete di attività di condivisione con l’obiettivo di un immediato utilizzo e di trasmettere alle generazioni future il legame culturale con il proprio territorio”.

Il vecchio sogno finito in un cassetto non graverà sulle casse del Comune ed è stato affidato agli esperti ed agli appassionati dell’associazione che opera a Messina da mezzo secolo. L’Associazione Cineforum Don Orione nella nota inviata al Comune ricorda come da quel lontano 1987, dopo l’acquisto delle pellicole e del materiale cinematografico nessuna amministrazione ha mai fatto nessun passo per creare la Cineteca. Soprattutto non è stato fatto nulla per garantire un’adeguata conservazione delle pellicole  (soggette a decadimento fisico/chimico), una catalogazione e la realizzazione di progettualità per l’eventuale restauro e digitalizzazione dei contenuti, la promozione e la diffusione degli stessi. Peraltro i locali dove sono finite le pellicole non risultano più idonei alla conservazione ed anzi il materiale cinematografico è stato esposto al rischio di andare perduto per sempre.

Il protocollo d’intesa siglato a gennaio affida all’Associazione la catalogazione, catalogazione, ispezione, conservazione, diffusione e valorizzazione di tutti i materiali filmici ed extra-filmici (fotografie, manifesti, locandine, brochure, materiale pubblicitario, pubblicazioni, attrezzature). L’obiettivo non è soltanto “salvare” dal tempo e dall’incuria il fondo acquistato nell’87 ma promuoverne la conoscenza e la condivisione e fruizione. Insomma, valorizzare il patrimonio raccolto.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.