Messina e provincia, 1680 forestali in azione per bonificare boschi e torrenti :ilSicilia.it
Messina

Diversi gli interventi previsti

Messina e provincia, 1680 forestali in azione per bonificare boschi e torrenti

di
26 Settembre 2017

Circa 1680 operai forestali sono entrati in azione nel raggio di territorio che comprende sette distretti di Messina, ovvero il capoluogo e località della provincia, per interventi di rinaturalizzazione dei boschi e di pulizia dei torrenti, come disposto dall’Assessore Regionale all’Agricoltura, Antonello Cracolici.

Oltre agli interventi sui boschi, nel territorio di Messina saranno realizzate 18 operazioni, finanziate dai fondi PAC III fase, per la manutenzione e la difesa degli alvei fluviali.

Ogni Ufficio per il Territorio della Sicilia, a seguito di valutazioni tecniche sullo stato dei luoghi, ha programmato le opere opportune basandosi sulle condizioni strutturali e sulle specificità dei singoli contesti territoriali.
In particolare, per il territorio Messinese sono previsti:
*         interventi di difesa dei boschi demaniali;
*         operazioni di salvaguardia e conservazione della superficie e della struttura del patrimonio paesaggistico, tra cui sono comprese azioni legate alla selvicoltura (interventi che permettono la coltivazione dei boschi garantendone la crescita), ripulitura e decespugliamento selettivo;
*         la sistemazione e la manutenzione di sentieri, stradelle forestali e di servizio.

Si tratta di attività destinate allo sviluppo dei boschi presenti nelle aree di competenza del demanio.

La manutenzione boschiva e forestale riguarderà Rodì Milici, Castroreale, Caronia, Tusa e le zone che vanno da Francavilla a Patti e da Tortorici a Longi (torrente Zappulla). Lavori similari sono in programma anche per le aree archeologiche delle Isole Eolie.Previsti, inoltre, interventi di pulizia dei torrenti che interesseranno, nello specifico, le zone di Messina, Annunziata, San Michele, Bordonaro, Camaro, Scaletta, Rodìa e Milazzo. Sugli assi fluviali si lavorerà anche a Letojanni, Gallodoro, Savoca e Casalvecchio.

I lavori, finanziati tramite il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) “Patto per la Sicilia”, saranno dunque finalizzati al contrasto della desertificazione e del rischio idrogeologico attraverso l’incremento della copertura boscata, al mantenimento e alla tutela della biodiversità e all’utilizzo delle risorse naturali per favorire la crescita e lo sviluppo delle aree interessate. Preziosi, ad ogni modo, si rivelano questi investimenti di risorse in azioni di salvaguardia del patrimonio forestale regionale, utili a prevenire i rischi legati agli incendi attraverso una gestione ragionata delle risorse e una serie di operazioni di ricostruzione boschiva.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin