Messina e provincia allontanano l'incubo Coronavirus: restano 29 ricoveri :ilSicilia.it
Banner Bibo
Messina

in corso ora i test sierologici

Messina e provincia allontanano l’incubo Coronavirus: restano 29 ricoveri

di
27 Maggio 2020

Messina città e la provincia peloritana allontanano l’incubo del Coronavirus. Sono rimaste, infatti, 29 le persone ricoverate nelle strutture ospedaliere messinesi, 19 delle quali al Policlinico e 10 invece al Covid Hospital di Barcellona Pozzo di Gotto.

La fase più acuta dell’emergenza, quando si era raggiunto anche il numero massimo di contagiati, ovvero i 146 ricoverati (tenendo conto oltre al Policlinico anche del Papardo di Messina e dell’ospedale di Barcellona) che si erano registrati nei primi giorni di aprile, è alle spalle, e così la Città dello Stretto ed il territorio circostante guardano con fiducia all’avvento del mese di giugno, rivedendo finalmente la luce, nella battaglia che ad un certo punto aveva fatto temere il peggio e quindi il possibile propagarsi in termini decisamente più significativi dell’epidemia.

Si stanno intensificando adesso le procedure riguardanti l’esecuzione dei test sierologici, concernenti tutti i dipendenti delle varie strutture: al Policlinico di Messina sono state avviate le attività riguardanti 1000 dipendenti.

Anche all’ospedale San Vincenzo di Taormina, l’Asp Messina ha previsto i test sierologici per le 800 unità di personale del presidio di contrada Sirina. In questo caso, a Taormina, sono stati effettuati oltre mille tamponi da due mesi a questa parte e sono risultati ora tutti negativi i tamponi eseguiti per alcuni medici, infermieri e pazienti, a seguito del recente contagio di un’infermiera.

La direzione generale dell’Asp di Messina ha comunicato ai distretti sanitari del territorio il via (scattato lunedì 25 maggio) anche dell’iter sanitario di monitoraggio a domicilio dei pazienti Covid 19 positivi. “Dopo l’individuazione del dott. Stefano Leonardi come coordinatore provinciale – ha reso noto l’azienda – sono stati anche individuati i referenti distrettuali a cui è stata data disposizione di raccordarsi con i direttori dei distretti per svolgere capillarmente l’attività. Dopo avere reclutato il personale medico l’Asp di Messina ha consegnato ai referenti le apparecchiature sanitarie e la modulistica indispensabile; per quanto riguarda i farmaci ed altri materiali utili le procedure saranno disimpegnate nei punti di distribuzione territoriali”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco