Messina, ecomostro Seaflight, De Luca: "Da dieci anni nulla è cambiato" :ilSicilia.it
Messina

Il sindaco ha notificato l'ordinanza alla Regione siciliana per la demolizione

Messina, ecomostro Seaflight, De Luca: “Da dieci anni nulla è cambiato”

di
13 Agosto 2019

Con un atto ufficiale che ordina entro il termine perentorio di 30 giorni dalla notifica dell’ordinanza, il sindaco di Messina, Cateno De Luca ha chiesto all’Assessorato regionale Territorio e Ambiente di rimuovere i corpi fabbricati pericolanti, mettere in sicurezza l’area per la libera fruizione dei cittadini e provvedere alla bonifica dei rifiuti giacenti.

Questa dell’ecomostro che deturpa il paesaggio, oltre a rendere insicura tutta la zona circostante è una vergogna che va avanti da oltre dieci anni. Nessuno si è mai occupato della vicenda. Stiamo provvedendo noi“, afferma Cateno De Luca.

Si ricorda – aggiunge De Luca – che la Seaflight spa, società di cantieristica ha dichiarato il fallimento nel febbraio del 1980. Dopo decenni, il 22 ottobre 2009 la Suprema Corte di Cassazione confermava il provvedimento o di demolizione senza diritto al risarcimento da parte del concessionario privato o, in alternativa, di acquisizione al patrimonio demaniale del manufatto“.

A distanza di anni – conclude il Primo cittadino – nulla di tutto ciò si è verificato e purtroppo l’ecomostro è ancora qui, indisturbato. Se trascorsi i termini previsti dalla legge nulla cambierà, ci faremo direttamente carico della sua rimozione e bonifica dell’area demaniale che sarà destinata a pubbliche utilità. Annuncio che grazie ai costi del canone concessorio, compenseremo i costi per la demolizione“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.