Messina: Forza Italia chiede lo stato di emergenza per la baraccopoli :ilSicilia.it
Messina

pronta una legge speciale

Messina: Forza Italia chiede lo stato di emergenza per la baraccopoli

di
13 Febbraio 2020

“In Parlamento stiamo preparando, grazie all’interessamento di Matilde Siracusano, di Stefania Prestigiacomo e di tutti i nostri parlamentari, una proposta di legge affinché il governo dichiari lo stato di emergenza, stanzi le risorse e consenta di risolvere l’assurda situazione delle baraccopoli a Messina: un’emergenza sociale, ambientale e sanitaria”. Così il capogruppo alla Camera dei deputati di Forza Italia Mariastella Gelmini, oggi a Messina con una delegazione del movimento azzurro per visitare la baraccopoli della Città dello Stretto.

“Siamo qui – ha aggiunto – con tutti i colleghi siciliani di Forza Italia per ribadire il nostro impegno in Parlamento e per favorire la soluzione di questo annoso problema. Siamo qui non per fare una denuncia o per fare propaganda. Ci interessa dare il nostro contributo affinché dopo l’impegno della Regione – che ha già dichiarato lo stato di emergenza e ha stanziato 50 milioni di euro – anche il governo si muova”.

“La parola Sud è stata completamente abolita dall’agenda di governo. Non pensiamo – ha concluso Gelmini – che i problemi del Mezzogiorno si risolvano con il reddito di cittadinanza, pensiamo invece che vadano affrontati i singoli specifici problemi. E certamente il fatto che ottomila persone vivano in baraccopoli nel 2020 non è assolutamente accettabile. Non possiamo fare una questione di competenza, ciascuno deve fare la propria parte”.

I parlamentari di Forza Italia, dopo una visita a Palazzo Zanca, hanno fatto – accompagnati dal vice sindaco di Messina, Salvatore Mondello, e il presidente di ArisMe, Marcello Scurria – un sopralluogo presso i villaggi di Camaro San Paolo e di Fondo Fucile, incontrando i cittadini e visitando le casette.

“Ringrazio la mia capogruppo e il mio partito che hanno preso a cuore la vicenda delle baraccopoli della mia città”, ha affermato la deputata messinese di Forza Italia Matilde Siracusano. “Non è più il momento dei rinvii. L’azione legislativa per risolvere questo scempio deve essere rapida ed efficace. Noi stiamo lavorando ad una legge speciale e facciamo un appello anche a tutte le altre forze politiche: serve la partecipazione di tutti per superare una volta per tutte questo storico problema”.

“Vanno aiutate concretamente le donne, gli uomini e i bambini di Messina che vivono in questa inaccettabile situazione”, ha detto la deputata siciliana azzurra Stefania Prestigiacomo. “Forza Italia sarà in prima linea per risolvere l’emergenza delle baraccopoli in questa splendida città. Il governo si dia una svegliata e invece di litigare su tutto affronti la cruda realtà del Paese reale”.

Per Nino Germanà, deputato di Forza Italia della provincia di Messina, “la tredicesima città d’Italia per numero di abitanti non può, ancora nel 2020, avere a che fare con circostanze limite come quelle delle baraccopoli. Questa è una vera e propria emergenza, va trattata come tale e va risolta nel più breve tempo possibile. Forza Italia è pronta a dare il suo determinato contributo”.

“La Sicilia non è la periferia d’Italia, non possiamo accettare che in una città come Messina ci sia ancora una vera e propria favelas, con realtà davvero insostenibili”, ha affermato il deputato siciliano di Forza Italia Francesco Scoma. “Oggi siamo qui per esprimere vicinanza alla popolazione messinese coinvolta, ma da domani riprenderà, incessante, il nostro impegno parlamentare per superare definitivamente questa emergenza”, ha concluso.

 

LEGGI ANCHE:

Musumeci: “Baraccopoli di Messina è da terzo mondo. Il Governo intervenga”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin