20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.44
Messina

il summit organizzato dalla senatrice Papatheu

Messina, frana a Capo Alì: avanti tutta con l’iter per la messa in sicurezza

1 Luglio 2019

Su iniziativa della senatrice Urania Papatheu, parlamentare siciliana di Forza Italia , si è svolto stamattina a Palermo un vertice operativo per risolvere la spinosa vicenda della frana a Capo Alì, dinnanzi al Commissario straordinario per il Dissesto idrogeologico, Maurizio Croce. Alla riunione hanno preso parte l’ing. Valerio Mele (Coordinatore Territoriale Anas Sicilia), ing. Cristiano Fogliano (Capo Centro Anas Messina), Crisafulli (sindaco Itala), Antonino Moschella (Sindaco Scaletta Zanclea) e Nino Melato (vicesindaco di Alì Terme).

“La messa in sicurezza del costone roccioso di Capo Alì – spiega la senatrice Papatheu che da quasi un anno segue in prima persona la vicenda – è un’emergenza che va risolta con un’azione concreta e incisiva. Per questo ho richiesto un nuovo incontro per esaminare la documentazione prodotta dai Comuni che ha evidenziato la fragilità del costone roccioso, come rappresentato dal Pai (Piano assetto idrogeologico), ovvero un alto rischio idrogeologico. Il progetto della galleria paramassi, con la contestuale messa in sicurezza del costone, potrà risolvere l’emergenza. Non devono più esserci rischi per l’incolumità degli automobilisti e disagi per i cittadini. Affrontare in sinergia i problemi, come in questo caso, è la via maestra per dare risposte alle comunità. E noi non ci fermeremo”.

“Siamo soddisfatti – afferma il vicesindaco di Ali Terme, Nino Melato – e l’esito di questa riunione che con il preziosissimo apporto dato su questa vicenda dalla senatrice Papatheu si avvia a sbloccare un problema in atto da tanti, troppi, anni. In questo modo, dopo una lunghissima attesa, entro la fine di luglio avremo un progetto di fattibilità tecnica ed economica. Ci siamo dati tutti la scadenza del 16 settembre per un nuovo tavolo tecnico a Palermo a cui parteciperà anche il Pai per definire il livello di progettazione raggiunto. Siamo davvero di fronte ad un’accelerazione significativa che segna in termini concreti un vero momento di svolta. Non era mai stato fatto un progetto di fattibilità e in questa occasione finalmente vediamo all’orizzonte la realizzazione della galleria paramassi”.

“Torniamo a casa da questa riunione con ottimismoafferma il sindaco di Scaletta Zanclea, Gianfranco Moschella -, con la fiducia che finalmente si stia sbloccando un’atavica questione che affligge da parecchi anni il nostro territorio. Sin qui abbiamo visto soltanto promesse ma stavolta registriamo un passo in avanti concreto e la collaborazione della sen. Papatheu ci sta conducendo per mano verso la soluzione risolutiva da sempre attesa e invocata. Il 16 settembre ci rivedremo per un’ulteriore riunione e allora avremo un quadro completo di natura economica e tecnica. Scaletta è una terra incastonata tra i due capi e risente più di tutti della problematica delle frane, un’emergenza che si ripresenta puntualmente ad ogni inverno con qualche frana che poi ci lascia isolati per 10 giorni. E’ un’emergenza per la viabilità ma soprattutto per la sicurezza”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.