Messina, frana a Capo Alì: avanti tutta con l'iter per la messa in sicurezza :ilSicilia.it
Messina

il summit organizzato dalla senatrice Papatheu

Messina, frana a Capo Alì: avanti tutta con l’iter per la messa in sicurezza

di
1 Luglio 2019

Su iniziativa della senatrice Urania Papatheu, parlamentare siciliana di Forza Italia , si è svolto stamattina a Palermo un vertice operativo per risolvere la spinosa vicenda della frana a Capo Alì, dinnanzi al Commissario straordinario per il Dissesto idrogeologico, Maurizio Croce. Alla riunione hanno preso parte l’ing. Valerio Mele (Coordinatore Territoriale Anas Sicilia), ing. Cristiano Fogliano (Capo Centro Anas Messina), Crisafulli (sindaco Itala), Antonino Moschella (Sindaco Scaletta Zanclea) e Nino Melato (vicesindaco di Alì Terme).

“La messa in sicurezza del costone roccioso di Capo Alì – spiega la senatrice Papatheu che da quasi un anno segue in prima persona la vicenda – è un’emergenza che va risolta con un’azione concreta e incisiva. Per questo ho richiesto un nuovo incontro per esaminare la documentazione prodotta dai Comuni che ha evidenziato la fragilità del costone roccioso, come rappresentato dal Pai (Piano assetto idrogeologico), ovvero un alto rischio idrogeologico. Il progetto della galleria paramassi, con la contestuale messa in sicurezza del costone, potrà risolvere l’emergenza. Non devono più esserci rischi per l’incolumità degli automobilisti e disagi per i cittadini. Affrontare in sinergia i problemi, come in questo caso, è la via maestra per dare risposte alle comunità. E noi non ci fermeremo”.

“Siamo soddisfatti – afferma il vicesindaco di Ali Terme, Nino Melato – e l’esito di questa riunione che con il preziosissimo apporto dato su questa vicenda dalla senatrice Papatheu si avvia a sbloccare un problema in atto da tanti, troppi, anni. In questo modo, dopo una lunghissima attesa, entro la fine di luglio avremo un progetto di fattibilità tecnica ed economica. Ci siamo dati tutti la scadenza del 16 settembre per un nuovo tavolo tecnico a Palermo a cui parteciperà anche il Pai per definire il livello di progettazione raggiunto. Siamo davvero di fronte ad un’accelerazione significativa che segna in termini concreti un vero momento di svolta. Non era mai stato fatto un progetto di fattibilità e in questa occasione finalmente vediamo all’orizzonte la realizzazione della galleria paramassi”.

“Torniamo a casa da questa riunione con ottimismoafferma il sindaco di Scaletta Zanclea, Gianfranco Moschella -, con la fiducia che finalmente si stia sbloccando un’atavica questione che affligge da parecchi anni il nostro territorio. Sin qui abbiamo visto soltanto promesse ma stavolta registriamo un passo in avanti concreto e la collaborazione della sen. Papatheu ci sta conducendo per mano verso la soluzione risolutiva da sempre attesa e invocata. Il 16 settembre ci rivedremo per un’ulteriore riunione e allora avremo un quadro completo di natura economica e tecnica. Scaletta è una terra incastonata tra i due capi e risente più di tutti della problematica delle frane, un’emergenza che si ripresenta puntualmente ad ogni inverno con qualche frana che poi ci lascia isolati per 10 giorni. E’ un’emergenza per la viabilità ma soprattutto per la sicurezza”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin