18 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.56

L'intervento sui risultati di domenica

Messina (Fratelli d’Italia): “Il centrodestra non esiste più, rafforzare il sovranismo”

2 Maggio 2019

“Il centrodestra così come lo abbiamo conosciuto non esiste più, anche se in alcune realtà locali continua a governare. Il voto di domenica ha dimostrato il peso sempre crescente di Fratelli d’Italia in Sicilia che con punte dell’8% a Gela e del 9% a Castelvetrano si afferma come forza credibile per il buon governo”.

Lo afferma Manlio Messina, coordinatore Sicilia orientale di Fratelli d’Italia.  “È indispensabile il 26 maggio votare Fratelli d’Italia e rafforzare l’asse sovranista per costruire l’alternativa ai grillini e al governo perché – aggiunge Messina – la Lega da sola non va da nessuna parte, come hanno dimostrato le amministrative di domenica scorsa”.

“A Miccichè diciamo che il patto del Nazareno ha fatto tanti danni all’Italia e quindi oggi indietro non si torna”, conclude Messina.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.