Messina, il candidato sindaco M5S Sciacca: "Con me cambierà la musica" :ilSicilia.it
Messina

Attacca il modello Iacp

Messina, il candidato sindaco M5S Sciacca: “Con me cambierà la musica”

di
3 Maggio 2018

La Città di Messina ha bisogno di un progetto serio e credibile, non è più tempo di false promesse e illusioni, con me sarà tutta un’altra musica”. Il monito arriva da Gaetano Sciacca, candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle alle Comunali del 10 giugno a Messina.

“Stiamo toccando in questi giorni con mano i problemi reali e quotidiani della città e stiamo vedendo quello che la gente vuole e si aspetta dal futuro governo di Messina – spiega Sciacca – . Riteniamo che questa esperienza dovremo codificarla e istituzionalizzarla attraverso ad esempio incontri periodici con le periferie. Ogni mese, anche dopo il voto, voglio portare il palazzo tra la gente e magari fare dei gazebo nelle aree decentrate. La gente si aspetta una risposta concreta alle emergenze, in primis per quanto concerne il lavoro e l’emergenza occupazionale”.

messina-porto“La ricchezza delle potenzialità di Messina – continua l’ex ingegnere capo del Genio Civile – sinora è stata mortificata da una gestione inadeguata del territorio. Abbiamo l’obbligo morale ancor prima che politico di esaltarne, invece, i valori e i principi, le peculiarità che possono determinare il riscatto di Messina. Abbiamo da un lato la piccola e media industria, l’artigianato ed il commercio che vanno supportati, e dall’altro lato ci sono le bellezze paesaggistiche da valorizzare. Noi abbiamo lo Stretto, Scilla e Cariddi, una mitologia che va esaltata e che può rappresentare un’autentica ricchezza culturale, economica e paesaggistica per Messina e per i messinesi”.

Poi una stoccata agli attuali vertici del Comune: “Ho sempre cercato di fare capire che serve concretezza. Esiste un ufficio di fondamentale importanza, il Suap che è preposto alle pratiche burocratiche per le attività produttive e quell’ufficio serve soprattutto alle piccole imprese, deve funzionare e farsi carico di tutte le incombenze burocratiche“.

municipio messina

“Per quanto riguarda le tasse, la Tari, la Tasi e i suoli pubblici vanno rivisti e abbassati. Il mio punto di partenza sarà quello di fare piccole azioni di buona Amministrazione, per fare capire che la musica è cambiata. Altrove, si stanno dicendo invece tante cose e si sta provando a confondere la gente, con alchimie e progettazioni fantasmagoriche, che non hanno alcun senso, c’è chi parla di waterfront, interramento di strade, sopra elevate e casinò nel palazzo comunale. Ognuno dice cose solo ed esclusivamente per confondere le idee ma la gente è già confusa di suo. Io queste cose le chiamo “armi di distrazione di massa”.

“Non ci può più essere il distacco attuale tra il centro e le periferie – ha evidenziato infine Sciacca -. Il sistema e il modello dell’Iacp è fallimentare, non funziona perchè non fa altro che trasferire il degrado in una zona, in delle orrende palazzine. Bisogna fare interventi di edilizia economica e popolare trovando case e immobili abbandonati da sottoporre a opere di sistemazione, per dare risposte alle tante richieste abitative di questa città”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.