Messina, il messaggio di Bramanti: "No alle palle di frontiera dei competitori. Noi siamo la politica vera" :ilSicilia.it
Messina

a pochi giorni dal voto

Messina, il messaggio di Bramanti: “No alle palle di frontiera dei competitori. Noi siamo la politica vera”

di
6 Giugno 2018

“Per cambiare Messina occorrono fatti e sacrifici, non illusioni e insulti. Domenica chiedo ai messinesi un voto di orgoglio e di identità. Io non urlo, non insulto e non mi riconosco nella violenza di questa campagna elettorale. Mi esalta la possibilità di poter creare qualcosa di importante per Messina. Io a differenza di altri non recito e non so fingere e non mi piace chi lo fa”.

Il messaggio ai messinesi arriva da Dino Bramanti, candidato sindaco del centrodestra a Messina, a pochi giorni ormai dal voto delle Comunali del 10 giugno.

“Io non ho nemici, vedo solo concorrenti. Domenica chiedo ai messinesi di votarmi perché mi entusiasma l’idea del dare e di mettere a disposizione la mia persona e la mia professionalità per il riscatto ed il rilancio di Messina e dei messinesi. E’ la mia terra, ed è la città che voglio contribuire a far tornare grande. Sono un uomo pratico e spero che i messinesi mi diano la chance di rendere Messina un luogo unico e straordinario, come nelle potenzialità di questa bellissima città. Se verrò eletto sarò un sindaco vero, le promesse iperboliche le lascio agli altri”.

“Mi interessano le problematiche da risolvere – continua Bramanti – e se sarò sindaco, ogni sei mesi faremo il punto della situazione in ogni quartiere e in ogni villaggio. Non ci faremo rivedere tra cinque anni, ma già tra pochi mesi analizzeremo la situazione. Occorre fare ciò che è normale che venga fatto, non promettiamo imprese eroiche ma cose che vanno fatte ogni giorno e che a Messina non si fanno da troppi anni. Dobbiamo organizzarci per fare grande Messina partendo dalle esigenze di ogni giorno. Non esiste il “non si può fare”. Attrezzeremo delle squadre sulle quali non possiamo e non dobbiamo sbagliare. Metteremo l’esperienza, la credibilità e l’abilità di tanti anni di carriera e di risultati a disposizione della comunità messinese. Io e la mia coalizione ci stiamo preparando a una grande sfida. In tanti anni ho gestito delle responsabilità pesantissime e senza avere mai nessuna contestazione”.

Chi sono i nostri competitori che pretendono di gestire la nostra città? Ne abbiamo due – aggiunge Bramanti – che stanno facendo una corsa economicamente dissanguante in termini di spese, nonostante abbiano già fatto politica al Comune più volte e per più anni. Ma negli anni precedenti questi signori che risultati hanno portato per Messina? Un altro fa politica di carriere e nella politica ha trovato il suo mestiere e spara “palle” in continuazione come il Comune che diventa casinò o che dovrebbe andare in altri plessi. Queste sono palle di frontiera, inaccettabili. Questa gente che cosa può dare a Messina? Nulla. Invito i messinesi a vedere il nostro curriculum. Non può vincere chi spara più palle e insulta di più. Noi siamo la politica vera, intesa come missione e come servizio per i cittadini”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin