Messina, il programma di De Domenico: "Una città smart e una task force per il Pnrr" :ilSicilia.it
Messina

verso le elezioni

Messina, il programma di De Domenico: “Una città smart e una task force per il Pnrr”

di
12 Maggio 2022

“Questo è il nostro metodo: prima decidiamo i contenuti, poi le persone migliori per attuare il programma”, Franco De Domenico, candidato sindaco del centrosinistra risponde così a chi gli chiede notizie sui nomi degli assessori designati e punta tutto sulle idee da portare avanti.

Il programma è molto articolato e moderno, frutto del lavoro di squadra e sul territorio, condiviso tra le varie anime della coalizione e prevede una “pre-condizione”: la riorganizzazione della macchina amministrativa. Senza quella non si può “volare” alto. I punti del programma sono 10 e questa mattina in conferenza stampa ne ha presentati due, riservandosi di approfondire le altre tematiche di volta in volta.

Avere una visione strategica è la condizione per fare il salto di qualità-ha dichiarato De Domenico- Dobbiamo scongiurare il rischio di perdere i fondi del PNRR. Proprio per questo creeremo una task force solo sul PNRR. La priorità è la riorganizzazione della macchina amministrativa che si è inceppata. Con De Luca tutte le posizioni organizzative sono state azzerate e i dirigenti sono diventati un collo di bottiglia, non ci sono più responsabilità intermedie”.

Numerosi i punti chiave: Messina Smart, sviluppo economico, equità sociale e pari opportunità, cultura-scuola-città universitaria, politiche per la salute, transizione ecologica, ambiente e agricoltura, bilancio, legalità, trasparenza e partecipazione attiva, sport e politiche giovanili.

Per quanto riguarda la riorganizzazione della macchina amministrativa non mancano le proposte del centrosinistra sia in termini di aggiornamento che di potenziamento, nonché in termini di servizi innovativi anche grazie ad una piattaforma informatica.

Messina città smart può diventarlo grazie ad una Pubblica amministrazione on line, che dia modo ai cittadini di accedere ai servizi in modo snello, veloce, che dia modo di fare segnalazioni on line ma anche discutere pubblicamente il bilancio”, continua De Domenico

Tra le proposte la VII circoscrizione “virtuale” una sorta di luogo dell’anima di tutti i fuorisede, coloro che vivono o lavorano fuori Messina ma Messina è sempre parte del cuore e delle radici. La VII circoscrizione diventa luogo di identità culturale ma anche terra di confronto e proposte.

Ci sono iniziative per i nomadi digitali, il Comune 4.0, il wifi realmente accessibile e poi gli strumenti di partecipazione attiva. Un forum per i giovani e l’APP (accoglienza-pace-partecipazione) e ancora la valorizzazione dei beni comuni. Il decentramento deve essere un punto di forza e alle Municipalità devono essere destinate risorse e personale.

Quanto agli assessori da designare in prima battuta ancora non ci sono notizie ufficiali, sebbene entro il 18 debbano essere annunciati.

Non c’è alcuno scontro, stiamo confrontandoci. Siamo diversi dagli altri, noi prima pensiamo alle idee e poi alle persone migliori per realizzarle” commenta smentendo quanti ipotizzano malumori o difficoltà nel trovare la quadra. Probabile che la coalizione si prenderà tutto il tempo anche per la presentazione delle liste che, ribadisce “Sono composte da persone che hanno da dare e da dire e non qualcosa da prendere o da aspettarsi. Noi non offriamo niente se non la possibilità di spendersi per Messina”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.