Messina: in centinaia per dire NO al Ponte sullo Stretto :ilSicilia.it
Messina

la manifestazione a Torre Faro

Messina: in centinaia per dire NO al Ponte sullo Stretto

di
27 Luglio 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Un’importante giornata di mobilitazione si è data ieri a Torre Faro (villaggio di Messina). Sino alle prime ore della sera, infatti, centinaia di messinesi hanno sfilato alla manifestazione indetta dalla Rete No Ponte.

Dopo anni dunque è tornato in piazza il movimento, sempre con la stessa determinazione e capacità di mobilitare centinaia e centinaia di persone, fra messinesi e abitanti di Torre Faro attorno all’annosa questione. Dal concentramento di via Circuito il lungo serpentone si è mosso verso le strade più interne dell’abitato di Torre Faro diretto, infine, alla piazza principale.

Musumeci ponte sullo stretto tg2 post“No Ponte, per le infrastrutture utili e la difesa del territorio” è la frase che campeggia sullo striscione di testa. Un messaggio chiaro che punta il dito ad un modello di sviluppo distante dalle reali necessità dei territori e, nello specifico, allo spreco di soldi che ha e sta comportando il progetto di realizzazione  del ponte. Soldi che dovrebbero, invece, esser investiti per il miglioramento della qualità della vita delle comunità locali.

Il corteo è il frutto di una campagna comunicativa e un’ampia mobilitazione che è partita il 20 febbraio quando, nel corso di una partecipatissima assemblea, è stata lanciata ufficialmente la manifestazione. In quel periodo furono la Cisl, il presidente della regione siciliana Musumeci e le associazioni dei costruttori che manifestarono la necessità di tornare in piazza per poter ribadire l’urgenza della realizzazione dell’opera in quanto, per loro, volano di sviluppo economico per tutto il meridione.

“Loro un corteo però non l’hanno mai fatto. I No Ponte invece l’hanno detto e l’hanno fatto. Abitanti di Torre Faro e messinesi in generale alzano la testa e fanno sentire la propria voce per manifestare il fermo dissenso a un modello di sviluppo che qui si riflette con tutta la sua paradossalità: da una parte l’investimento di centinaia di milioni di euro per questa colossale opera e, dall’altra, nella carenza dei servizi fondamentali… qui a Torre Faro in determinate ore della giornata manca l’acqua corrente, giusto per dirne una! Una gestione dei territori che mette al primo posto, come nel caso del progetto del ponte, l’arricchimento delle grandi imprese a discapito degli abitanti,  dell’ambiente, dei servizi”, afferma Domiziana Giorgianni della rete No Ponte.

“Ma quale Ponte sullo Stretto, vogliamo l’acqua nel rubinetto” è uno dei cori intonati a gran voce dai manifestanti.

“Ciò che oggi abbiamo voluto ribadire è la necessità di un ‘investimento virtuoso dei soldi pubblici e non il loro spreco per finalità differenti dal benessere della gente. Se devono essere usati soldi pubblici, che si usino per colmare i deficit che segnano i nostri territori; per il miglioramento di tutti quei servizi che qui sono carenti e vanno immediatamente potenziati come la rete ferroviaria, stradale e autostradale per non parlare di servizi sociali e sanità. Ciò che oggi abbiamo voluto ribadire è il diritto di autodeterminazione, è l’idea che a stabilire le sorti dei territori debbano essere unicamente gli abitanti e oggi la comunità di Torre Faro e i messinesi tutti l’ hanno detto a gran voce”, conclude Giorgianni.

 

LEGGI ANCHE:

Ponte sullo Stretto, Musumeci: “Governo regionale favorevole senza se e senza ma”

Ponte sullo Stretto, Musumeci: “Toninelli offensivo e superficiale” | VIDEO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.