Messina, Ingroia è con Sturniolo: "E' la vera alternativa. Partiti tradizionali al capolinea" :ilSicilia.it
Messina

verso le elezioni

Messina, Ingroia è con Sturniolo: “E’ la vera alternativa. Partiti tradizionali al capolinea”

di
13 Maggio 2022

Non mi piacciono le frasi scontate, come quelle che spesso si sentono dire in competizione elettorale: abbiamo già vinto. Ma voglio evidenziare un grande risultato ottenuto. Nessuno pensava possibile costruire in poco tempo una proposta alternativa. Invece in meno di due mesi ci siamo riusciti ed anche con una formula inedita: lista civica che ospita attività organizzate politicamente”. Gino Sturniolo è  in conferenza stampa con Antonio Ingroia, ex magistrato, avvocato e presidente nazionale di Azione Civile.

In realtà le coalizioni che abbiamo di fronte più che prettamente partitiche sono pezzi di potere-ha continuato Sturniolo- Sono poteri a capo di istituzioni e vogliono derubricarci a mera comparsa. Noi siamo qui per competere e sono contento che Ingroia, che i poteri li ha indagati, stia con noi”.

La conferenza stampa nella sede del Comitato elettorale in via Centonze è stata l’occasione per presentare il candidato di Azione Civile nella lista di Messina in Comune: Lucio Costa. Ingegnere elettronico, lavora per una multinazionale francese, ha una lunga attività da sindacalista nella Fiom e dice: “Ho capito che per cambiare davvero Messina dovevo metterci qualcosa di mio e andare oltre la critica. Ed eccomi qui”.

La lista Messina in Comune infatti ha diverse anime, quelle movimentiste e quelle più legati a partiti di sinistra (da Potere al Popolo al Partito Comunista fino a Rifondazione), un mix che ha creato un gruppo solido pronto a restare e far sentire alta la voce anche a fine elezioni.

I cittadini hanno sopportato una doccia fredda dopo l’altra-ha detto Ingroia– Una delusione dopo l’altra e non soltanto dai partiti tradizionali ma anche da quanti si presentavano diversi ma si sono comportati come i vecchi partiti. Occorre andare oltre gli schemi. L’Italia onesta vuole pulizia, legalità, comuni vicini alla gente. Qui a Messina si è creata la vera alternativa per quei cittadini che altrimenti si rifugiano nell’astensionismo perché non si sentono più rappresentati. I partiti tradizionali sono al capolinea”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.