Messina, la lista Prima l'Italia. Per Germanà sfida nella sfida: "Vincere al primo turno" :ilSicilia.it
Messina

verso le elezioni

Messina, la lista Prima l’Italia. Per Germanà sfida nella sfida: “Vincere al primo turno”

di
14 Maggio 2022

Con Prima l’Italia il candidato sindaco Federico Basile arriva a quota nove liste a sostegno. E da oggi ha concluso la “parte burocratica” della campagna elettorale, quella relativa alla presentazione di candidati, assessori designati in prima battuta e programma.

E Nino Germanà, che affronta una sfida nella sfida, dopo la rottura con il centrodestra, può dirsi soddisfatto perché Prima l’Italia è il primo partito ad aver presentato la lista per le comunali di Messina. Il parlamentare della Lega sa di avere tutti gli occhi puntati sopra, sia da parte del centrodestra che da parte di chi, in Sicilia Vera, si attende un apporto numerico determinante. Non a caso il capolista è proprio Germanà, che rivendica non soltanto la condivisione di Salvini nella scelta ma anche di rappresentare “un laboratorio” politico.

Si è presentato a Palazzo Zanca per depositare i 32 candidati e con lui c’erano anche la responsabile provinciale del partito Daniela Bruno e Matteo Francilia, responsabile degli Enti Locali e Giacomo Caci.

Siamo orgogliosi di aver presentato stamattina la lista Prima l’Italia a sostegno di Federico Basile Sindaco formata da donne e uomini competenti e perbene.È necessario portare avanti quel progetto di virtuosità già avviato a Messina –precisano i responsabili della lista- e per questa ragione non possiamo perdere tempo! Con la capacità, l’umiltà e l’equilibrio di Federico Basile per vincere al primo turno nell’interesse di Messina e dei messinesi”.

Nei giorni scorsi dopo aver schierato in lista il presidente uscente del V quartiere Ivan Cutè, Nino Germanà ha registrato l’ingresso di un altro presidente uscente, Lino Cucè, IIII quartiere, in rotta con il suo partito, Forza Italia, che lo ha “sacrificato” sull’altare della coalizione. Cucè si è dimesso anche dal ruolo di vice coordinatore provinciale azzurro. E ora corre con Prima l’Italia e per Basile sindaco ( e qualche sassolino nella scarpa ce l’ha).

Nel depositare la lista Germanà e i responsabili della Lega hanno ringraziato l’avvocato Igor Germanà “che da da sempre segue la parte tecnica per la presentazione delle nostre liste”.

LA LISTA PRIMA L’ITALIA

Antonino Germanà, Cinzia Alessandro, Nazareno Augliera, Francesca Bonina, Letteria Brigandì, Carmelo Calabrò, Mirko Cantello, Patrizia Carfì, Amalia Centofanti, Gabriele Cervino, Giovanna Crimi, Natale Cucè, Ivan Cutè, Marco De Salvo, Emilio Fastuca, Carmelo Ferrara, Alessandra Finocchiaro, Rosario Giaimo, Laura Grillo, Gioele La Ferla, Stefano Macrì, Giuseppe Milanese, Noberto Novena, Luigi Pagano, Giovanna Previte, Gaetano Praia, Matteo Rello, Letteria Sciuto, Ornella Spadaro, Gianmaria Spampinato, Diego Vadalà, Giuseppe Villari.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.