Messina, l'Alauda Quartet in concerto per la stagione della Filarmonica Laudamo :ilSicilia.it
Messina

sabato 11 gennaio e domenica 12 gennaio

Messina, l’Alauda Quartet in concerto per la stagione della Filarmonica Laudamo

di
8 Gennaio 2020

Prosegue la importante collaborazione della Filarmonica Laudamo onlus con “Le Dimore del Quartetto”, associazione che rilancia il ruolo primario del mecenatismo rispondendo concretamente alla necessità di formazione dei giovani quartetti d’archi e, alcontempo, valorizzando il patrimonio artistico del paese, attraverso l’utilizzo di dimorestoriche dove i quartetti possono risiedere per alcuni giorni e provare insieme per lapreparazione del concerto.

Il concerto per la 99ª stagione della Filarmonica Laudamo vedrà grande protagonista l’Alauda Quartet, fra i più importanti giovani quartetti d’archi della scena contemporanea, formato da musicisti provenienti da diversi paesi: Cristina Prats-Costa, violino, Milan Bergincviolino, Ricardo Fuentes Contreras viola, Elena Cappelletti, violoncello.

In programma musiche di Haydn Šostakovič. Sensibile mecenate dell’operazione culturale internazionale è la famiglia Pulejo, cheaccoglierà il quartetto presso «Villa Pulejo», splendida dimora storica del XIX secolo, individuata come location ideale per la realizzazione del progetto a Messina.

Due i concerti previsti a Messina: sabato 11 gennaio 2020, alle ore 20:30, a Villa Pulejo domenica 12 gennaio 2019, alle ore 18:00, al Palacultura Antonello, in cartellone per la stagione della Filarmonica Laudamo. L’Alauda Quartet si è formato alla Royal Academy of Music di Londra nel 2011, ed i componenti del quartetto provengono da quattro diversi angoli dell’Europa.

Nel 2012 il quartetto è stato premiato “Highly Commended” nella Wolfe Wolfinsohn Competition della Royal Academy of Music ed è stato scelto per il prestigioso Davey Poznaski Scheme, che gli ha permesso di partecipare in Masterclass con quartetti di fama mondiale, come Emerson, Belcea, Endellion, Escher e Wihan Quartets.

Il quartetto ha studiato con Jon Thorne, violista del Badke Quartet e ha conseguito un diploma di Master di Musica da camera presso la Hochschule fur Musik, Theater und Medien di Hannover con il professor Oliver Wille, violinista del Kuss Quartet.

Si è perfezionato presso l’International Music Seminar in Prussia Cove, l’Accademia Chigiana di Siena e il Proquartetcemc, Centre Européen de Musique de Chambre a Pont Royal, Francia. Selezionato come Park Lane Group Artist nel il 2015, l’Alauda Quartet ha debuttato nel 2015 alla Purcell Room, Queen Elizabeth Hall.

Il quartetto svolge un’intensa attività concertistica e si è esibito ampiamente in Gran Bretagna in sale e festival quali Barbican Hall, Conway Hall, St Margarets Westminster, Kings Place, KingsLynn Festival, Friends of Beaminster Festival, Bury St Edmunds Concert Club, WinchesterCollege Concert Series, City Music Society, Avon Valley Concerts, Stockbridge Music Festival,Lincoln International Concert Series, Stratford upon Avon Music Festival.

Il quartetto è inoltre impegnato regolarmente in tournée di concerti in diversi Paesi, quali Italia, Spagna, Serbia, Germania, Francia, e nel 2014 si è esibito nel famoso National Centre ofPerforming Arts di Pechino. L’Alauda Quartet ha registrato per la Radio Nacional de Espana per la serie “Young ArtistConcert Platform” e per la Radio Vaticana a Roma.

Nel 2016 sono stati selezionati per prendereparte al progetto italiano “Le Dimore del Quartetto”.Nel 2016 il quartetto ha inciso il suo primo disco per l’etichetta Brilliant Classics, una WorldPremier Recording delle musiche per quartetto d’archi dell’autore italiano Roffredo Caetani.Prossimi

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.