Messina, Luigi Genovese lancia bordate a De Luca: "Centrodestra rifletta su corsa al carro dei vincitori" :ilSicilia.it
Messina

Il deputato ringrazia Dino Bramanti

Messina, Luigi Genovese lancia bordate a De Luca: “Centrodestra rifletta su corsa al carro dei vincitori”

di
26 Giugno 2018

“Ritengo doveroso ringraziare il prof. Dino Bramanti per la passione, la dedizione e l’impegno profusi in questa avventura. Ora serve una profonda riflessione nel centrodestra”. Lo evidenzia il giovane deputato all’Ars di Forza Italia, Luigi Genovese che a conclusione della tornata di voto delle Comunali a Messina analizza la sconfitta del candidato del centrodestra, Dino Bramanti e nel rivolgere allo stesso un saluto si sofferma sulla situazione politica e le polemiche che in queste ore stanno agitando “le acque” nel partito azzurro.  Genovese, intanto, non risparmia bordate all’indirizzo del neoeletto sindaco Cateno De Luca.

“Ringrazio il prof. Bramanti ed è con immenso piacere, inoltre, che ringrazio i componenti di tutte le liste della coalizione e in particolar modo quelle di nostro riferimento: Ora Messina, Peloro 2023 e Forza Italia. Il centrodestra non è riuscito a raggiungere l’obiettivo più importante ma, nel 1° turno, ha dimostrato grande solidità. Sono orgoglioso per il traguardo raggiunto dalla mia lista, Ora Messina, che è risultata la più votata del centrodestra e la seconda in assoluto. Una lista civica composta da tanti giovani che si sono spesi con grande impegno perché credono in un progetto politico che mette la città al centro dei propri interessi e che guarda al futuro orientandosi sulle idee e non su vecchi schemi ideologici”.

“Anche Forza Italia ha raggiunto un risultato ragguardevole, superando ampiamente la soglia di sbarramento. Il partito rimane punto di riferimento per molti elettori, ma in occasione delle recenti amministrative sono emerse, ancora una volta, incongruenze e diversità di vedute rispetto alle quali sono certo interverrà il coordinatore regionale Gianfranco Micciché, uno dei principali “sponsor” di Dino Bramanti che ha voluto manifestare il suo sostegno al direttore scientifico dell’Irccs nel corso della manifestazione elettorale organizzata a Tremestieri lo scorso 1 giugno”.

“In senso più ampio – continua Genovese -, spiace registrare la corsa sfrenata sul carro del vincitore dei tanti profili che in queste ore hanno smentito, nei fatti, la convergenza sul candidato originariamente sostenuto con convinzione da tutti i deputati, regionali e nazionali, del centrodestra messinese”.

de lucaInfine Genovese si rivolge al neoeletto sindaco De Luca: “Confido nel fatto che Cateno De Luca, adesso, possa indossare i panni del buon amministratore dopo avere condotto una campagna certamente efficace in termini di ritorno elettorale, ma assolutamente spregiudicata nelle modalità espressive e nei contenuti. Non mi è piaciuta la deriva giustizialista su cui è stata incentrata – anche a danno dello stesso neo sindaco – la seconda parte del ballottaggio, ma fa sorridere il fatto che De Luca abbia sostenuto di essere stato vittima della “clava giudiziaria” dopo avere lui stesso strumentalizzato per tutta la campagna il “fantasma Genovese”. Al netto delle precisazioni espresse, adesso Messina ha un nuovo sindaco e a lui vanno i miei più sinceri auguri, nella speranza che il nuovo governo cittadino riesca ad intestarsi l’avvio di un processo virtuoso per la nostra comunità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin