Messina, mancata proroga operatori covid in Commissione. Ira di Amata: "Caso aperto" :ilSicilia.it
Messina

Audizione Ars

Messina, mancata proroga operatori covid in Commissione. Ira di Amata: “Caso aperto”

di
5 Luglio 2022

Le risposte che i deputati messinesi attendevano non sono arrivate. L’allarme riguarda circa 150 operatori sanitari dell’emergenza covid ai quali non è stato prorogato il contratto (scaduto a fine giugno). A chiedere chiarezza all’Asp di Messina è stata per prima Elvira Amata, capogruppo FdI all’Ars che ha presentato un’interrogazione sulla vicenda. Sullo stesso tenore anche l’intervento del capogruppo di Forza Italia all’Ars Tommaso Calderone e il deputato del M5S Antonio De Luca e il segretario cittadino del Pd Franco De Domenico. 

La problematica, soprattutto in un momento di rialzo della curva epidemica ed a ridosso della “scongiurata” chiusura dell’hub in Fiera, è finita all’attenzione della Commissione Ars sanità. All’ordine del giorno oggi il caso Messina e l’audizione del direttore amministrativo dell’Asp Caterina Di Blasi. A quanto pare però l’allarme resta.

Le risposte non sono state esaustive, oggi, e la presidente della Commissione Margherita La Rocca Ruvolo ha chiesto che ai quesiti posti da Elvira Amata venga data una risposta scritta.

Il mancato rinnovo del contratto libero professionale riguarda circa 150 operatori sanitari, nell’ambito dell’emergenza Covid19, tra tecnici della prevenzione, psicologi, assistenti sociali e biologi impegnati nei tamponi a tappeto e psicologi.

“La questione relativa al personale impegnato nella gestione dell’emergenza Covid – ha detto Amata – è  di competenza della direzione amministrativa, che deve fornire indirizzi al settore del personale sulle necessità. Dunque, è indiscutibilmente ascrivibile alle competenze del direttore amministrativo dell’Asp Messina Caterina di Blasi. Non è stata compiuta alcuna analisi del fabbisogno delle figure essenziali  e le indicazioni regionali dicono che va mantenuta una struttura che tenga conto del calo dei contagi ma pronta a fronteggiare la ripresa pandemica, quello che sta succedendo in Sicilia ormai da qualche settimana. Nel frattempo, per tutta risposta Asp Messina ha tagliato prima il monte-ore e poi anche le figure professionali. Rimodulando sia l’orario che il corrispettivo si sarebbe potuto mantenere un monte-ore più elevato per tutti. Inoltre non si comprende la ragione per cui si è data priorità ai collaboratori amministrativi e non alle figure tecnico sanitarie.

La capogruppo di Fratelli d’Italia aveva sperato su risposte chiare ed esaustive sulla vicenda nel corso dell’audizione ma a quanto pare non sono arrivate al punto che sia la Amata che la presidente di Commissione hanno chiesto che vengano messe per iscritto.
Mi auguro che il direttore generale Asp Bernardo Alagna e il commissario emergenza Covid Messina Alberto Firenze possano nel più breve tempo possibile fornire per iscritto le risposte agli interrogativi posti- commenta Amata- Il dato di fatto è che non si possono in questa fase così delicata, con i contagi in crescita, gettare a mare figure sanitarie a mio avviso indispensabili, a difesa della popolazione dall’emergenza Covid ancora in atto. Ritengo che Asp Messina debba rivedere tutto”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro