Messina: Ponti e viadotti a rischio, indagini geognostiche su 8 strutture :ilSicilia.it
Messina

Per il sindaco la situazione è preoccupante

Messina: Ponti e viadotti a rischio, indagini su 8 strutture

24 Agosto 2018

Dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova si accendono anche su Messina i riflettori su ponti, viadotti e strutture considerabili a rischio nel territorio peloritano. Per questo il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha riunito nelle scorse ore i vertici e dirigenti di Cas, Anas, Dipartimento regionale trasporti e i sindaci.

E per quanto concerne la Città Metropolitana di Messina, sia per il Comune di Messina che per i Comuni della provincia, il sindaco Cateno De Luca ha esposto una situazione ad alto rischio. “La Città Metropolitana di Messina gestisce circa 3 mila km di rete stradale con circa 150 ponti e viadotti -ha spiegato- Ed 8 di questi richiedono immediate indagini geognostiche: Sinagra centro – SP 115 ponte Gurnazzo – SP 115 ponte Nuovo – SP Tripi ponte San Cono – SP 35 Pezzolo – SP 155 ponte Tre archi – SP 15 Roccafiorita – attraversamento del Mela”. Per questo l’Amministrazione messinese ha chiesto al Cas di effettuare immediate indagini su alcuni viadotti che danno da tempo segnali di ammaloramento con la caduta di calcinacci e che potrebbero rappresentare un motivo di pericolo per la sicurezza e la pubblica incolumità dei cittadini.

La situazione si delineerà con esattezza da qui ai prossimi 60 giorni, quando l’Anas andrà ad effettuare i necessari accertamenti su tutti i ponti e i viadotti dell’isola, come richiesto dal Governatore Musumeci. Una indagine che si estenderà a 120 giorni per le strutture più complesse, di maggiore portata. Il sindaco di Messina ha proposto di adottare le procedure di Protezione civile nelle attività di monitoraggio al fine di scongiurare ritardi e tempi più lenti nell’espletamento delle operazioni di accertamento sullo stato delle strutture che verranno prese in esame.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.