Messina, si spezza cima della nave: marinaio muore sul colpo :ilSicilia.it
Messina

incidente durante approdo

Messina, si spezza cima della nave: marinaio muore sul colpo

di
24 Febbraio 2021

Mortale incidente sul lavoro sulla nave “Elio” della Caronte & Tourist al porto di Messina. Un nostromo, Gaetano Puleo, 61 anni, è deceduto dopo essere stato colpito da un cima di ormeggio mentre era bordo.

L’uomo impiegato da anni per l’azienda che si occupa dei trasporti nello Stretto di Messina, era sul traghetto durante le fasi di approdo al molo Norimberga, nella Città dello Stretto.

Da una prima ricostruzione sembra che il marittimo fosse affacciato ad uno degli oblò della nave quando una delle gomene in tensione si è staccata, o si è spezzata, e lo avrebbe colpito in pieno, alla testa. Il nostromo è caduto in mare ed è stato recuperato dai colleghi con l’aiuto di personale della Capitaneria di Porto. Ma per lui non c’è stato alcunché da fare.

Sulla vicenda la Procura di Messina ha aperto un’inchiesta delegando le indagini alla Capitaneria di porto.

Il capitano di Vascello Andrea Tassara comandante della capitaneria di Porto di Messina ha confermato che “dopo quanto è avvenuto il magistrato ci ha affidato le indagini con le funzioni di polizia giudiziaria e stiamo indagando a trecentosessanta gradi sulla vicenda, tuttavia al momento non c’è una tesi privilegiataNaturalmente – ha aggiunto – quando avremo tutti i riscontri riferiremo alla Procura“.

Siamo sconvolti e annichiliti per il dolore – ha dichiarato la società armatrice – e ci stringiamo ai familiari di Gaetano collaboratore generoso, preparato e disponibile, uomo buono e gentile, la cui scomparsa lascia un vuoto enorme in quanti lo hanno conosciuto e gli hanno voluto bene“.

La stessa Caronte & Tourist ha insediato una commissione interna col compito di approfondire le cause dell’incidente e si è dichiarata a disposizione degli inquirenti, assicurando che non farà mancare alla famiglia “il proprio concreto e tangibile supporto“.

Piangiamo ancora vittime sul lavoro – ha commentato Michele Barresi della Uiltrasporti di Messina – in un comparto, quello dei marittimi e dei trasporti in genere che resta sempre tra i settori lavorativi più esposti. Interroghiamoci su cosa fare per tutelare al meglio chi lavora, e stringiamoci attorno al lutto di un’altra famiglia“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin