Messina, terremoto in Forza Italia: Cucè sbatte la porta. Mal di pancia in Fratelli d'Italia :ilSicilia.it
Messina

verso le elezioni

Messina, terremoto in Forza Italia: Cucè sbatte la porta. Mal di pancia in Fratelli d’Italia

di
8 Maggio 2022

I malumori sono diventati mal di pancia. E poi scosse di terremoto. Le candidature per le presidenze delle circoscrizioni sono diventate il terreno minato per il centrodestra. I nomi scelti hanno provocato scossoni all’interno dei partiti. E alla fine c’è chi ha sbattuto la porta, come Lino Cucè, storico presidente della terza circoscrizione nonchè unico presidente uscente di Forza Italia e vice coordinatore provinciale del partito. La sua mancata conferma per la candidatura alla presidenza, in quota Matilde Siracusano, ha spinto Cucè a presentare le dimissioni ed a lasciare il partito.

Al suo posto la coalizione ha indicato Alessandro Cacciotto (Fratelli d’Italia), fortemente voluto da Elvira Amata. Ma il “cambio” di nomi e il fatto che a Forza Italia sia andata la designazione per il quarto quartiere con un candidato di area Calderone rispetto all’uscente Alberto De Luca, meloniano, ha comportato un effetto a catena.

Già perché la presidenza della quarta municipalità interessava a Fratelli d’Italia, all’uscente Alberto De Luca che ha deciso di non ricandidarsi ma di lasciare spazio a Francesco Arnone, anche lui meloniano. Ma il quadro di indicazioni consegnato alla stampa assegna il quarto quartiere a Tommaso Calderone con la candidatura di Nicola Lauro. Fratelli d’Italia per l’appunto ha avuto la terza con Cacciotto.

Così ad infuriarsi non è stato soltanto Lino Cucè, che ha sbattuto la porta, ma anche il gruppo di Fratelli d’Italia che hanno mal digerito sia la “perdita” della presidenza al quarto che la designazione al terzo di un consigliere di quartiere, Cacciotto, che è arrivato nel partito nel settembre del 2020 con il gruppo Gioveni (che nel 2018 era candidato nel Pd). Sulla graticola c’è Elvira Amata. La contro offensiva prevede la predisposizione di liste autonome nella quarta circoscrizione, con Arnone presidente in chiara opposizione al candidato della coalizione. L’alternativa potrebbe interessare a quanti, nella coalizione di centrodestra, non intendono votare il nome indicato dal capogruppo Ars di Forza Italia, Tommaso Calderone.

Insomma si apre una breccia nella coalizione che diventa rischiosa e lascerà strascichi. Troppi scontenti potrebbero cadere in “tentazioni elettorali”. Soprattutto è chiaro che se il vice coordinatore provinciale di Forza Italia Lino Cucè sbatte la porta, non resterà “senza casa” a lungo. Le sorprese sono dietro l’angolo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.