Messina, trasformare l'ex Cittadella fieristica in un "Villaggio della cultura" :ilSicilia.it
Messina

La proposta

Messina, trasformare l’ex Cittadella fieristica in un “Villaggio della cultura”

di
17 Maggio 2022

Il Villaggio della cultura, uno spazio che guarda lo Stretto e che può diventare un luogo d’incontro e di confronto, di esposizioni e rappresentazioni. Trasformare l’ex Cittadella fieristica con un progetto che la valorizzi pienamente è la proposta del responsabile provinciale infrastrutture della Nuova Dc Salvatore Merlino.

Penso ad un Cultural Village Messinese- spiega Merlino– Creando uno spazio espositivo unico, molto grande, un ‘anti-museo’ in metamorfosi permanente, dove prevedere più spazi culturali interconnessi tra loro, ma diversi ed in continuo cambiamento. Un Centro culturale  che sia allo stesso tempo accessibile ed esigente, generoso e tagliente, caldo e radicale, poetico e trasgressivo, un territorio di apprendimento di esperienze emozioni e vita; un ‘non luogo’ diverso da quanto fatto fino ad ora nei tradizionali spazi espositivi, da cui far scaturire un nuovo modo di fruire l’arte con tutti i sensi”. 

Secondo l’esponente della nuova Dc è possibile rilanciare cultura, arte, auto imprenditorialità e turismo, unendo valori e simboli del brand Messina anche senza puntare su grandi cantieri e progetti internazionali, puntando invece su sinergie tra istituzioni e privati.

“Tutto questo senza realizzare grandi infrastrutture– siega- ma recuperando il possibile dei padiglioni vincolati e, per altri, nel caso abbatterli se non sono più recuperabili. Si deve coraggiosamente stravolgere questi spazi, rendendoli fruibili e sfruttando il water front, oggi negato da un modello di architettura assolutamente desueto. Il progetto dovrebbe essere scandito da mostre tematiche e monografiche, interventi su larga scala esplorando tutte le aree dell’espressione artistica – dalla performance all’artigianato artistico, alla moda, ad uno spazio relativo all’arte del movimento, del suono, dei video, dei cartoon e della parola. Questi spazi potrebbero essere realizzati in pochi padiglioni nuovi creando percorsi di interconnessione, sfruttando la tecnica ologrammi 3D, le nuove tecnologie, rigenerando così spazi abbandonati da anni. Fondamentale sarebbe realizzare anche un grande laboratorio di creazione, seguito da grandi maestri, che possa contribuire attraverso la progettazione, ogni anno, alla creazione di diverse mostre nella nostra città e in occasione dei maggiori incontri d’arte internazionali”.

Gli spazi esterni dovranno essere utilizzzati per servizi, aree espositive, bar, negozi collegati al mondo dell’arte. Il modello di finanziamento potrebbe essere misto pubblico/privato. Si dovrebbero trovare fondi grazie alla sponsorizzazione aziendale e ad una Fondazione di supporto, agli eventi organizzati dai marchi e alle sfilate della settimana della moda, e da diverse concessioni.

“Potrà diventare – conclude Merlino – un villaggio culturale influente del mondo contemporaneo e uno dei progetti più effervescenti per il ripensamento e la rinascita di cittadella fieristica. Un villaggio cosmopolita in cui non potrà mancare una grande vita notturna e dove sarà possibile investire anche in progetti di auto imprenditorialità per i giovani”. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.