A Messina un piano da 500 milioni per le infrastrutture. De Luca: "D'ora in avanti non più monitoraggi farlocchi" :ilSicilia.it
Messina

Si chiama 'Riparte Messina'

A Messina un piano da 500 milioni per le infrastrutture. De Luca: “D’ora in avanti non più monitoraggi farlocchi”

di
6 Luglio 2020

Si chiama ‘Riparte Messina’ ed è il Piano straordinario per le infrastrutture della città dello Stretto, annunciato dal sindaco Cateno De Luca. A caratterizzarlo, numeri sostanziosi e tempi stretti. Sono infatti previsti 500 milioni di euro da distribuire su 166 cantieri nei prossimi 18 mesi.

Nel dettaglio, al 30 maggio, a Messina sono stati già riattivati 22 cantieri esistenti, per una spesa  totale di oltre 65 milioni di euro. Dal primo giugno fino alla fine di questa estate tra territorio comunale e Città Metropolitana, saranno inaugurati 65 cantieri per un totale di circa 128 milioni, mentre dal primo ottobre al 31 dicembre ne saranno aperti altri 30, per una spesa superiore a 42 milioni di euro. Cantieri a decine previsti per il primo semestre dell’anno prossimo: da gennaio alla fine di giugno 2021 nell’intera provincia partiranno altri 42 interventi,  per un impegno di 190 milioni di euro. Gli ultimi 7 verranno infine concentrati nella seconda parte dell’anno, per 73 milioni di euro circa.

“Durante questo periodo emergenziale – dice De Luca  – ci siamo trovati con dei furbetti che sparavano castronerie sopra le nostre teste, mentre sul territorio a tenere buona la gente c’erano i poveri sindaci. Questa è l’Italia che va cambiata, a cominciare da oggi, con un lavoro che è frutto di due anni di buona amministrazione, condotta senza improvvisazioni”.

Il riferimento va, in particolare, all’avvio di una apposita banca dati: una piattaforma digitale messa a punto con il Ced del Comune per mettere a sistema e sotto costante controllo i programmi finanziari afferenti ai fondi di bilancio ed extra bilancio. Uno strumento, ha aggiunto “mai adottato fino a oggi né dalla Regione Siciliana ne’ a livello nazionale per mancanza di lungimiranza o per pretestuosa volontà”.

Il problema attuale “non è certo rappresentato dalle risorse economiche – riprende il sindaco di Messina – . “Queste ci sono e lo certificherò nella relazione del secondo anno di attività che stiamo chiudendo”. Il nodo invece sta nelle procedure di spesa, figlie – sottolinea  senza mezzi termini, “di un altro problema ancora più insopportabile: una classe burocratica che fa schifo, dove non manca qualche delinquente e ignorante, responsabile , nel corso delle passate amministrazioni, di perdite di finanziamenti”.

Adesso gli strumenti ci sono. Si sostanziano da una parte nella creazione di un software di monitoraggio della spesa e sulle scadenze temporali che consente di raccogliere, registrare, elaborare e trasmettere i dati dei Rup (i responsabili del procedimento nelle gare d’appalto) sugli stati di avanzamento procedurale e finanziario; e dall’altra, in atti procedurali.

La priorità di massimizzare l’efficienza dei fondi, assicurando la qualità degli interventi, è un punto su cui De Luca non manca di scatenare la sua consueta vis polemica: “Se penso che sono stati sbloccati iter procedurali di opere importanti come il Porto di Tremestieri o via Don Blasco, ferme a causa di irregolarità procedurali amministrative, non ci dormo la notte. La scarsa capacità a recepire i vincoli imposti dai programmi a valere sui fondi extra bilancio, il mancato rispetto dei tempi e la dilatazione delle fasi procedimentali riguardanti la progettazione, le gare e le sottoscrizioni dei contratti, hanno indotto l’amministrazione messinese a disciplinare in modo uniforme le procedure di controllo sull’avanzamento e lo stato d’ attuazione dei singoli interventi”. Non più “monitoraggi farlocchi, insomma, a Messina: dal 2018 la musica è cambiata e cambierà ulteriormente nei prossimi 18 mesi”, conclude De Luca. Che avvisa: “Andremo sempre allo scontro con chi pensava d’avere ancora a che fare con dei cretini “.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.