MessinaServizi: continuano le schermaglie sindacali. Incerto il futuro dei lavoratori :ilSicilia.it
Messina

Per i sindacati è tempo di lasciare da parte le polemiche

MessinaServizi: continuano le schermaglie sindacali. Incerto il futuro dei lavoratori

di
4 Settembre 2017

La questione del transito dei lavoratori di Messina Ambiente e Ato 3 alla MessinaServizi rimane al centro di un iter che non è stato ancora definito e resta soprattutto al centro di schermaglie tra le parti sindacali, la politica e gli uffici preposti. Fit Cisl, Uiltrasporti e Fiadel sollecitano definitiva chiarezza sul tema.

“Non ci si arrocchi su posizioni preconcette ma si faccia prevalere il rispetto della legge”, è l’appello di Cisl, Uil e Fiadel dopo l’incontro tenutosi all’Ufficio Provinciale del Lavoro per discutere del passaggio dei lavoratori di Messinambiente e Ato3 a Messina Servizi.

Per i sindacati è tempo di lasciare da parte le polemiche perché non serve una prova di forza, ma una prova di buon senso. “Il centro dell’impiego, chiamato in causa da una parte sindacale e da Messina Servizi per il transito dei lavoratori Ato3 alla Messina Servizi, – ha spiegato il dirigente Santi Trovato – è titolato solo alla verifica della legittimità di un percorso che, però, deve essere già condiviso tra le parti perché non si tratta di una sede di concertazione. Sostanzialmente – commentano i sindacati – abbiamo assistito oggi ad un buco nell’acqua ampiamente prevedibile”.

Fit Cisl, Uiltrasporti e Fiadel hanno rimarcato la comune posizione sul rispetto della legge 9/2010 e vista l’assenza del commissario della Srr e del liquidatore dell’Ato3 si è palesata l’impossibilità di arrivare ad una soluzione condivisa. Per questo le tre sigle hanno chiesto pertanto di aggiornare l’incontro, ricercando preventivamente una intesa che sia aderente a quanto disposto dalla legge 9/2010 così come ribadito alla Regione Sicilia nell’incontro del 31 agosto scorso. “L’alveo in cui muoversi – secondo Fit Cisl, Uiltrasporti e Fiadel – resta quello dei passaggi di tutti i lavoratori alla Srr applicando in subordine a livello territoriale, come anche previsto dalla stessa legge regionale, tutte le tutele contrattuali previste nel transito dei lavoratori sia Ato 3 che Messinambiente i cui diritti sarebbero interamente salvaguardati”.

“C’è una soluzione percorribile a norma di legge che darebbe le massime garanzie ai lavoratori”, ricordano Cisl, Uil e Fiadel, “e chi si ostina ad arroccarsi su posizioni preconcette e alimentare sterili polemiche tra sindacati o con l’ispettorato del lavoro, non fa il bene dei lavoratori perdendo tempo e mettendo a rischio i livelli occupazionali in prossimità del possibile fallimento di Messina Ambiente”.

Secondo Fit Cisl, Uiltrasporti e Fiadel in subordine ai passaggi alla Srr, che vanno comunque espletati , può essere prevista anche l’applicazione dei dettami contrattuali, così come lo stesso amministratore di Messina Servizi, Beniamino Ginatempo, aveva già anticipato in sede nel corso dell’incontro all’Ispettorato del Lavoro convocato dall’ingegnere Sciacca lo scorso 24 agosto. “Ed in quella direzione occorre, con il buon senso di tutti, condividere un percorso comune che – concludono i rappresentanti di Cisl, Uil e Fiadel – auspichiamo possa concretizzarsi già nell’incontro convocato al Comune per l’inizio della nuova settimana”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.