Meteo in Sicilia, weekend di fuoco, diramata allerta gialla :ilSicilia.it
Palermo

Nuovo avviso della protezione civile

Meteo in Sicilia, weekend di fuoco, diramata allerta gialla

di
5 Luglio 2019

Dopo la “fiammata africana” di giugno, lasciato alle spalle da qualche giorno, l’Italia sembra poter respirare in questo inizio di luglio: l’anticiclone africano, da una decina di giorni in presenza stabile sul nostro Paese, sarebbe infatti in procinto di allentare la morsa, concedendo una tregua nelle regioni più settentrionali, nelle quali è atteso un rapido peggioramento per il prossimo weekend. Già dalle giornate del 3-4 luglio, oltre le Alpi, sarà in atto un vistoso calo termico, col conseguente formarsi di celle temporalesche a bassa quota che potrebbero portare, nel fine settimana, piogge, temporali e forti raffiche di vento.

Il maltempo sembra avvicinarsi in maniera minacciosa, risparmiando tuttavia Sud e Sicilia: anzi, per effetto inverso della bassa pressione a Nord, ecco che l’aria calda africana continuerà ad insistere sulle regioni più meridionali, nelle quali proprio nel fine settimana dovrebbero nuovamente impennarsi le temperature, tornando a lambire i 40 gradi. In questi giorni, infatti, Catania e Palermo – tra le città più calde dello scorso giugno – ha visto una “diminuzione”, con i valori massimi di poco superiori ai 30°: qualcosa di eccezionale, per la città dell’elefante, in relazione al periodo.

La nuova ondata di caldo africano dovrebbe colpire la Sicilia soprattutto tra domenica 7 e lunedì 8 luglio, giornate in cui a Palermo il sole splenderà con punte di 37° nelle ore centrali del giorno. Sarà in generale per tutta l’Isola un fine settimana stabile e soleggiato, in cui l’aria potrebbe diventare torrida soprattutto nelle zone interne: insomma, sembrano esserci le condizioni ideali, per i “ritardatari”, di fare la prima capatina al mare della bella stagione.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.