Mezzogiorno, Condorelli (UGL): "Il Recovery Plan è l'ultima chiamata per il Sud" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Mezzogiorno, Condorelli (UGL): “Il Recovery Plan è l’ultima chiamata per il Sud”

di
24 Marzo 2021

Un’ attenzione particolare verso il Sud che non deve crearci illusioni, il Sud è  stato per decenni lasciato solo dai vari governi ma anche da un classe  dirigente meridionale che non ha saputo spendere  tutte le risorse a disposizione e dei fondi comunitari. Oggi il Sud è  al centro della politica  del governo Draghi ,l’ indirizzo europeo è chiaro , occorre investire per accorciare la distanza esistente tra nord e sud. Il Recovery Plan è l’ultima chiamata per il Sud“, dichiara Giovanni Condorelli, Segretario Confederale con delega per il Mezzogiorno d’Italia.

Questo governo con la Ministra Mara Carfagna  – spiega il Segretario Confederale – oggi ha tutte le condizioni per fare del Sud la locomotiva per l intero paese, quindi occorre programmare e agire subito perché dobbiamo recuperare su tutto. Il Sud produce solamente 1/4 del pil  pur avendo  1/3 della popolazione , l’occupazione è oltre 20 punti inferiore a quella del centro nord, il pil procapite nelle regioni del mezzogiorno è pari al 55% di quello del Centro Nord“.

Siamo in ritardo sulla scuola e sulla formazione dei nostri giovani e lavoratori  con il rischio di perdere la trasformazione digitale se non si interviene massicciamente. Esiste un problema dei giovani che emigrano e che non torneranno più , così come  siamo testimoni  di una  profonda crisi occupazionale femminile che non ha precedenti, pertanto, basta annunci , subito programmazione e certezza dei tempi di realizzazione degli investimenti“, continua il segretario.

Occorre  partire da un piano straordinario di mobilità e viabilità, infrastrutture varie ,ferroviarie, marittime e aree –  propone Condorelli – poche opere ma strategiche  ,in questo contesto di rinascita il ponte sullo stretto non è   più rinunciabile. Adesso è  il momento di dimostrare amore per il nostro paese – conclude –  siamo chiamati tutti a cambiare  mentalità e approccio, non  più  di natura assistenzialista ma di reale consapevolezza  che a noi spetta costruire la nuova  l’ Italia in cui il Sud è protagonista principale“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.