Mezzojuso, la querela per diffamazione a Giletti e a La7: udienza rinviata :ilSicilia.it
Palermo

La procura ha chiesto il giudizio per gli indagati

Mezzojuso, la querela per diffamazione a Giletti e a La7: udienza rinviata

di
19 Febbraio 2019

È stata rinviata al 2 aprile l’udienza davanti al gup di Termini Imerese (Palermo) che deve decidere sulla querela per diffamazione presentata dal sindaco di Mezzojuso, Salvatore Giardina, autorizzato dal Consiglio Comunale, nei confronti dell’editore de La7, del conduttore di “Non è l’Arena” Massimo Giletti e dell’ex opinionista della trasmissione Klaus Davi. La procura ha chiesto il giudizio per gli indagati.

Sindaco e Consiglio Comunale si ritengono diffamati dalla trasmissione che per un anno ha dedicato uno spazio alla vicenda delle tre sorelle Napoli, proprietarie di un’azienda agricola con oltre 70 ettari di terreno tra Corleone e Mezzojuso dove coltivano cereali e foraggio.

Nell’udienza di oggi 19 febbraio è stata ammessa la costituzione di parte civile del comune di Mezzojuso nella persona del sindaco Giardina.

All’inizio dell’udienza – si legge in una nota a firma del sindaco Giardina, inviata ai mezzi di comunicazione –  è stato sollevato un difetto di procedibilità da parte degli imputati ed altre eccezioni tutte respinte. Inoltre, è stata autorizzata la citazione del responsabile civile e cioè l’emittente televisiva La7″.

“Sono contento per Mezzojuso, per la mia città”, dice Giardina.  “Abbiamo piena fiducia nelle istituzioni e nella giustizia ed attendiamo con spirito positivo il 2 aprile”.

 

LEGGI ANCHE:

Maxi raccolta firme a Mezzojuso: “Quereliamo Giletti e La7 per diffamazione”

Sorelle Napoli, il sindaco di Mezzojuso si scaglia contro Giletti

Le sorelle Napoli difendono la memoria del padre: “Calunnie, quereliamo” | Video interviste

Mezzojuso, sorelle Napoli: “E’ partita la macchina del fango”

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin