Micari come Alfano: "Olimpiadi in Sicilia nel 2032" :ilSicilia.it

Fantapolitica verso le Regionali

Micari come Alfano: “Olimpiadi in Sicilia nel 2032”

di
31 Ottobre 2017

Micari, come il ministro degli Esteri Angelino Alfano, vuole le Olimpiadi in Sicilia“Se avessimo mai la possibilità di fare le Olimpiadi in Sicilia – ha detto il candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Fabrizio Micari – sarei l’uomo più felice della terra, non come i 5 stelle a Roma”.

“Ho due sogni uno si riferisce alla Sicilia porta d’Europa per i grandi commerci internazionali sul fronte della logistica e poi, dato che ci siamo giocati il 2024 e il 2028, il mio sogno sarebbero le olimpiadi in Sicilia nel 2032“, ha aggiunto.

“Oggi prosegue Micari lanciamo l’idea di una Sicilia olimpionica, che guardi al futuro puntando sullo sport, che è un elemento educativo straordinario ed è un occasione economica gigantesca. Lo sport è turismo ed è organizzazione di grandi eventi”. In conferenza stampa a Palermo, Micari ha presentato il nuovo assessore designato allo Sport Sandro Campagna, giocatore di pallanuoto e campione olimpico palermitano collegato in video conferenza.
“Noi non siamo come i Cinquestelle che hanno paura dello Sport e dei grandi eventi sportivi, Sicilia olimpionica significa questo. – ha aggiunto – Vogliamo che la Sicilia torni ad essere terra di grandi eventi sportivi. L’ultimo grande evento organizzato sono state le Universiadi nel 1997“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.