Micari: riuscirà l'uomo che ha smesso di far litigare il Pd a convincere i siciliani? :ilSicilia.it

La scelta del Pd e di Alfano per le Regionali

Micari: riuscirà l’uomo che ha smesso di far litigare il Pd a convincere i siciliani?

29 Agosto 2017

Basterà la figura “soft” e per alcuni al limite del soporifero, di Fabrizio Micari al centrosinistra per recuperare il gap di partenza con gli avversari che sia preannuncia consistente?

Crocetta resterà in campo? O si ritirerà? Il presidente della Regione ha già proposto a un paio dei suoi assessori di andare in lista in occasione delle elezioni del prossimo 5 novembre, e continua a sfornare manifesti. Oggi e a Roma per incontrare Renzi e domattina terrà una conferenza stampa a Palermo. Il ticket con Micari, che qualcuno avrebbe timidamente proposto, sembra lontano e non convince.

Micari parla a voce bassa e propone una narrazione consueta e già vista. Accenna a “una progressiva evoluzione  di passaggi che si sono verificati” e dà “conferma della disponibilità a partecipare a questa competizione”.

Da dove è uscito dunque il presunto uomo della provvidenza che improvvisamente ha smesso di fare litigare (eufemismo) Il Pd?

Negli ambienti universitari accennano a una sua innata capacità nelle scelta dei tempi. Successe quando divenne preside della Facoltà di Ingegneria (2010) e poi nella corsa per il rettorato palermitano (2015). Un modo forse discreto ed elegante per dire che è uno che ha fortuna, dote che non guasta in politica. Circostanze certo, ma anche una forte capacità a farsi trovare disponibile con gli appuntamenti che contano.

“Le ragioni della mia candidatura – ha spiegato ieri– risalgono  al lavoro degli ultimi anni comune denominatore progetto  per creare condizioni di crescita e sviluppo per i nostri giovani. Dobbiamo rendere possibile il loro futuro”

Non un semplice ammiccamento verso il concetto giovani = fattore di sviluppo, ma l’attestazione di un feeling che non è mai mancato tra Micari e i giovani universitari siciliani, testimoniato da rapporti che nel tempo hanno anche contribuito alla sua elezione.

Ieri la segreteria regionale del partito Democratico si è posta concretamente il problema del destino politico di Crocetta, dando il via libera di fatto al rettore palermitano. Nell’estate dei ticket e degli endorsement, dove la “staffetta” è andata in pensione e il tandem corre lento, uno come Micari avrà il problema di farsi conoscere in fretta dai siciliani.

Non è un caso che Alfano pensa di mettergli accanto un esponente della Sicilia orientale, possibilmente di Catania e che fa magari l’europarlamentare, magari a parziale risarcimento per il numero di settimane in cui è stato in testa a tutte le hit parade delle possibili candidature centriste.

La strada per Micari appare lunga e complicata. Per il centrosinistra pure.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.