Micciché allontana Salvini e corteggia il Pd: "In Sicilia siamo moderati" :ilSicilia.it
Palermo

Il presidente dell'Ars 'chiama' i dem

Micciché allontana Salvini e corteggia il Pd: “In Sicilia siamo moderati”

di
16 Dicembre 2018

L’importante è che si trovi un argine a questo populismo che è veramente dannoso. Il populismo ti fa divertire ma alla fine ti rovina. Abbiamo il dovere di fermarlo e creare un argine“. Gianfranco Micciché sempre più distante dalle posizioni di quella parte di centrodestra che vuole mantenere i rapporti con Matteo Salvini e determinato a mettere insieme la ‘cosa moderata‘.

Magari con il Pd, al quale il presidente dell’Ars ha lanciato in questi giorni parole di miele.

Già qualche settimana fa, a Cefalù, Micciché aveva lanciato segnali in tal senso. L’ultima uscita per ribadire il proprio niet alle sirene sovraniste si registrata al Teatro Savio di Palermo, dove dirigenti palermitani di Forza Italia del calibro di Giuseppe Milazzo e Giulio Tantillo hanno incontrato militanti, elettori e simpatizzanti per lo scambio di auguri di Natale.

E Micciché è intervenuto tirando fuori temi e argomenti che hanno marcato la distanza dal sovranismo in maniera netta: “Noi siciliani abbiamo nel Dna il gene dell’accoglienza e della generosità – ha detto il numero uno di Sala d’Ercole – Non possiamo eliminarlo. Siamo moderati. Se in Sicilia i residenti sono 5 milioni, altri 55 milioni sono sparsi nel mondo, siamo un popolo di emigrati. Noi siamo contrari al populismo, perché è sinonimo di razzismo e fascismo.

“Essere salito sulla nave ‘Diciotti– aveva ricordato subito prima – mi ha cambiato la vita, soprattutto dal punto di vista umano. Non è possibile fare soffrire in questo modo tanti poveri disperati che scappano dai loro Paesi“.

Insomma, un’uscita dai connotati fortemente politici, quella di Micciché, nonostante l’evento, almeno formalmente, avesse un carattere più leggero. Ed è proprio quest’ultima circostanza che ha voluto rimarcare chi, come Gabriella Giammanco, portavoce di Forza Italia in Sicilia: “Che io sappia si è trattato di un evento non di partito – ha dichiarato la parlamentare azzurra -. Credo e mi auguro che si sia trattato di un appuntamento in vista del Natale. Gianfranco Micciché, da coordinatore e rappresentante dell’Ars deve mantenere un ruolo neutro, super partes, non credo che sia opportuno per lui essere legato a delle correnti. Il coordinatore regionale di un partito – precisa Giammanco- non può permettersi di avere una sua ‘corrente’, sarebbe in palese conflitto d’interessi“.

Gabriella Giammanco
Gabriella Giammanco

Insomma, qualcuno dalle parti di Forza Italia sembra storcere il naso per le fughe in avanti di Micciché.

E come se non bastasse, anche dal Pd c’è chi non gradisce le recenti aperture del presidente dell’Ars, come Teresa Piccione, recentemente ritiratasi dalla corsa per guidare i democratici nell’isola, che punta il dito anche contro il neosegretario dem siciliano Davide Faraone: “Gianfranco Micciché, parlando oggi da leader di Forza Italia in Sicilia, conferma e respinge allo stesso tempo la proposta di Davide Faraone a una convergenza tra il Partito democratico e i forzisti. È un’ulteriore conferma – continua Piccione – del progetto ‘moderatista’ del neosegretario Faraone, inconciliabile con la natura progressista del Pd. Impediremo che Faraone possa cambiare il dna del Pd“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.