15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22

Il Presidente dell'Ars a tutto tondo

Micciché attacca ancora Salvini: “Preferisce i neri disoccupati o quelli feriti?” | Video

9 Gennaio 2019

Guarda il video in alto e in basso

Salvini dice prima gli italiani quando si parla di immigrati e prima gli immigrati quando si parla di reddito di cittadinanza. Mi sono confuso, chi è migliore? Quelli che sono già qui e non lavorano o quelli che vengono da fuori con le braccia ferite da armi da fuoco. Me lo deve spiegare Salvini: è meglio il nero ferito o quello disoccupato? Per questo governo è meglio il nero disoccupato“. Gianfranco Micciché attacca ancora il governo nazionale e lo fa senza mezze misure. Il commissario di Forza Italia in Sicilia punta il dito contro Salvini sul tema dei migranti e contro il Movimento 5 Stelle sul reddito di cittadinanza, rilanciando la propria immagine di politico siciliano che guarda a Roma, proposta che era stata ‘messa in ombra’ in questi giorni da Leoluca Orlando.

Ma non sono i soli argomenti che il Presidente dell’Ars ha voluto trattare con i giornalisti dopo avere introdotto il convegno sulla massoneria, alla presenza del Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Stefano Bisi. Altra questione all’ordine del giorno è il percorso della finanziaria e la necessità di arrivare all’approvazione prima di fine gennaio, data in cui scade l’esercizio provvisorio approvato dall’Ars: “La finanziaria non è per niente ferma – ha detto Micciché – Gli otto giorni previsti dal regolamento per l’esame della commissione Bilancio finiscono venerdì, quindi io credo che venerdì mi sarà consegnata la legge e andrò in aula per incardinarla. Poi darò il tempo per gli emendamenti e dalla settimana successiva la cominceremo a discutere. Fermo non c’è niente, abbiamo lavorato anche a Natale“.

Poi, come dicevamo, una punzecchiatura ai Cinquestelle sul reddito di cittadinanza: erano stai i pentastellati a sollevare dubbi sulla celerità dei lavori in Aula: “Credo che tra quello che lavoriamo noi in questa Assemblea e i 780 euro da dare a chi non lavora c’è una bellissima differenza. Sono molto pentito che guadagniamo così poco – ha concluso – Rispetto ai 780 euro per chi non lavora, dovremmo guadagnare dieci volte di più“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.