Miccichè benedice l'alleanza con Salvini: "Vinciamo e governiamo in Italia" VIDEO :ilSicilia.it

il presidente dell'ars a catania

Miccichè benedice l’alleanza con Salvini: “Vinciamo e governiamo in Italia” | VIDEO

di
17 Novembre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Gianfranco Miccichè sale sul palco della convention di Forza Italia e ribadisce la sua forza politica e del suo partito. E’ il giorno del presidente dell’Ars a Viagrande che come un maestro d’orchestra detta i tempi e la musica del suo partito almeno in Sicilia. Oggi  presente sul palco anche il governatore Nello Musumeci.

Forza Italia non è l’ago delle bilancia, è il centro di questa parte moderata nel centrodestra, è l’anima vera e centrale. Oggi, con un Salvini moderato che sta studiando da uomo di Stato, come chiedevo che fosse e come gli italiani chiedono che sia, si può andare avanti molto bene, vincere e governare“.

Se pensiamo a quello che hanno fatto questi ultimi governi – ha aggiunto Miccichè – c’è da mettersi le mani nei capelli. Noi saremo una cosa diversa. Spero si vada a votare presto e io ne sono convinto. La nostra sara’ una vittoria abbastanza netta. Sono sereno e tranquillo. Il futuro e’ nostro e degli italiani e dei dei moderati e si torna alla normalità dopo le follie degli ultimi anni“.

Non è più tempo di scontri in casa azzurra, dove il commissario Gianfranco Miccichè, è intenzionato a scendere a patti con la Lega, che continua ad ampliare il proprio consenso anche in Sicilia.

Impegnati in prima linea in questo progetto il senatore Stefano Candiani, plenipotenziario di Matteo Salvini in Sicilia, il Presidente dell’Assemblea Regionale siciliana, Gianfranco Miccichè e il pontiere, l’uomo di garanzia, l’onorevole ragusano Nino Minardo.

A dare il crisma dell’ufficialità a quelle che fino a poco fa erano solo indiscrezioni è stato il commissario della Lega Stefano Candiani ed oggi anche il presidente Miccichè.

Ieri a metà mattinata era salito sul palco di #Etna19 il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani. “Noi siamo alternativi a Renzi e lui non ha niente a che vedere con noi. Le posizioni e l’elettorato di Renzi sono alternativi al popolo azzurro che oggi ha aperto uno straordinario cantiere di confronto e proposta a Catania”, ha scandito a più riprese l’ex presidente del Parlamento europeo.

Sul centrodestra e le alleanze: “Noi siamo per il centrodestra unito, ma animato da posizioni e sensibilità che si completano. Noi e gli alleati siamo partiti diversi, il partito unico non ci interessa, ma abbiamo un minimo comune denominatore: stop alle tasse, riformare la giustizia per far tornare il Paese a crescere, sostenere le piccole e medie imprese, i commercianti, gli agricoltori, i liberi professionisti perché sono coloro che possono creare posti di lavoro. In Sicilia come in tutta Italia”.

Un percorso segnato, dunque, verso una vera rinascita del centrodestra.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin