Micciché dichiara guerra a Toti. E a farne le spese è Musumeci :ilSicilia.it

volano gli stracci in forza italia

Micciché dichiara guerra a Toti. E a farne le spese è Musumeci

di
31 Gennaio 2019

Gianfranco Micciché, Maurizio Toti e Stefania Prestigiacomo. Sono loro i protagonisti di una diatriba tutta interna a Forza Italia che non fa dormire sonni tranquilli a Nello Musumeci. Il primo ha preso le difese della collega di partito siciliana, bacchettata dal Presidente della Regione Liguria per l’iniziativa che l’ha vista protagonista, con la spedizione in gommone verso la Sea Watch. Iniziativa che ha suscitato malumori anche fra molti parlamentari forzisti (si parla infatti di chat di fuoco fra i senatori e i deputati nazionali di Forza Italia di varie regioni, che avrebbero preso le distanze dalla collega di partito).

Ma sulla presa di distanza di Toti, il presidente dell’Ars ne ha fatto una questione di valori del partito: “Giovanni Toti si ricorda a giorni alterni di avere in tasca la tessera di Forza Italia – ha scritto su Facebook Micciché – Il giorno prima annuncia un nuovo partito, una seconda gamba a sostegno della Lega, e il giorno dopo condanna il gesto umanitario della collega Stefania Prestigiacomo“. Poi l’attacco a testa bassa: “Forse Toti immagina di poter entrare nelle grazie di Matteo Salvini imitandone i toni persecutori nei confronti di 47 poveracci in fuga dall’inferno libico, ma sono certo che né Forza Italia, né Silvio Berlusconi lo seguirebbero in questa folle deriva razzista e xenofoba“.

Ecco, quindi, che Micciché prende le difese dell’ex ministro Prestigiacomo: “Non so con quale coraggio, se non per la sadica vigliaccheria di chi gode nel veder soffrire gli esseri umani – scrive il Presidente dell’Ars –, si possa condannare Stefania Prestigiacomo. Ha forse compiuto un “reato di umanità” o si tratta, piuttosto, di lesa maestà nei confronti del bullo Salvini? Spiegatemi“, è la conclusione di Micciché.

Una polemica a distanza che deve avere creato qualche imbarazzo a Nello Musumeci. Giusto pochi giorni fa, infatti, il Presidente della Regione aveva annunciato l’avvio di un progetto politico comune con Toti subito dopo le Europee. E proprio in piena sessione di bilancio, con una maggioranza più che traballante all’Ars, arriva la stoccata di Micciché a Toti.

Un segnale che il Presidente dell’Ars ha voluto lanciare al governatore? Un ‘moderato‘ richiamo all’ordine di fronte alle sirene sovraniste? Di certo c’è da giurare che Musumeci, ansioso di chiudere la sessione di bilancio prima della proroga dell’esercizio provvisorio, non deve avere dormito sonni tranquilli leggendo il post di Micciché.

Giovanni Toti si ricorda a giorni alterni di avere in tasca la tessera di Forza Italia. Il giorno prima annuncia un…

Pubblicato da Gianfranco Miccichè su Mercoledì 30 gennaio 2019

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin