22 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.11

La dichiarazione del Presidente dell'Ars

Micciché interviene sulla crisi in Venezuela: “Il Governo italiano prenda una posizione”

11 Febbraio 2019

II presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, ha commentato quanto sta per accadere in Venezuela, sull’orlo di una guerra civile: “Nel 2019 non può esserci un Paese civile dove non arrivino le medicine e scarseggia il cibo, come sta avvenendo in Venezuela, che è anche ricco di materie prime, soprattutto petrolio. Non si comprende perché il suo popolo debba soffrire. Capisco chi è titubante sulla voglia di democratizzazione, ma mi consta personalmente che la situazione è molto problematica. E’ arrivato il momento che il governo italiano prenda una posizione”.

L’Italia è l’unico Stato membro dell’Unione europea a non avere riconosciuto il governo di Juan Guaidò: “Auspico – ha aggiunto il presidente dell’Ars – una soluzione nel più breve tempo possibile. Il mio pensiero va, in particolare, a tutti i siciliani che vivono in Venezuela, anche di terza o quarta generazione, costretti a fare i conti con la scarsezza di cibo e la mancanza di medicinali”.

 

LEGGI ANCHE:

La crisi in Venezuela arriva all’Ars, mozione per i siciliani in Sudamerica

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.