Miccichè invoca un laboratorio di moderati, la Lega: "Mostruoso come gli esperimenti di Frankenstein" :ilSicilia.it

il presidente dell'Ars auspica nuovi dialoghi

Miccichè invoca un laboratorio di moderati, la Lega: “Mostruoso come gli esperimenti di Frankenstein”

di
30 Aprile 2019

“Un nuovo patto del Nazareno sarebbe la cosa da fare. Il ritorno di un bisogno a stare insieme dei moderati matura a prescindere dalla mia volontà. Non solo a Gela il laboratorio è aperto da tempo. C’e’ una parte del Pd con cui ragioniamo. Da tempo. Mentre una parte di Forza Italia pensa di potere andare con la Lega”. Lo dice al Corriere della Sera Gianfranco Micciche‘, coordinatore di Forza Italia in Sicilia, all’indomani dell’intervista che ha reso sugli stessi argomenti a ilSicilia.it.

“Abbiamo cominciato a ragionare con Sicilia Futura, con l’ex ministro Salvatore Cardinale”, aggiunge il presidente dell’Assemblea regionale siciliana. “Davide Faraone e i renziani? Fase dialogante ma non concludente. Sino ad oggi. Parlano, parlano, ma non si concretizza. E bisognerebbe farlo”.

A proposito dell’esito delle Amministrative, Miccichè si ritiene soddisfatto, soprattutto guardando a Caltanissetta: “Nell’unico capoluogo di provincia dove si votava stavamo per farcela al primo turno. Al ballottaggio per un pelo. Clamoroso. Forza Italia con le nostre due liste è al 23 per cento, il doppio dei grillini di Giancarlo Cancelleri, nella sua città. Che soddisfazione”.

Centrodestra perdente senza la Lega? I risultati dimostrano che, rispetto a ieri, siamo cresciuti. Non è che uno si deve vantare, ma lasciatemi fare Crozza quando imita De Luca: ogni tanto è doveroso affermare la propria capacità rispetto ad altri. Quando ho ripreso le redini di Forza Italia come coordinatore, in Sicilia il partito non riusciva ad eleggere più nemmeno un consigliere comunale. Oggi è un altro mondo. Esiste il nuovo partito“.

Fabio Cantarella
Fabio Cantarella

Non tardano le reazioni alle affermazioni di Miccichè: “Il laboratorio politico propugnato Gianfranco Miccichè – dice Fabio Cantarella, responsabile Enti locali della Lega in Sicilia – mi ricorda francamente quello del dottor Frankenstein dove nascevano creature mostruose. La Lega continuera’ a lavorare per la nascita di un centrodestra diverso anche in Sicilia”.

“Sono convinto – sottolinea Cantarellache se il centrodestra avesse seguito la linea di rinnovamento nelle facce e nei metodi perseguita e proposta dalla Lega ci sarebbero stati tanti eletti al primo turno. Purtroppo Miccichè ha imposto volti vecchi e logiche consunte oltre che ammucchiate con il Pd mascherate da civismo”.

“Tra 15 giorni non sceglieremo solo i sindaci di alcune importanti città ma anche la fisionomia del centrodestra siciliano: quello di Salvini che governa con successo in molte regioni italiane o quello gattopardesco di Miccichè. Sempre che quello del commissario di Forza Italia – conclude Cantarella – possa definirsi ancora centrodestra”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin