Miccichè invoca un laboratorio di moderati, la Lega: "Mostruoso come gli esperimenti di Frankenstein" :ilSicilia.it

il presidente dell'Ars auspica nuovi dialoghi

Miccichè invoca un laboratorio di moderati, la Lega: “Mostruoso come gli esperimenti di Frankenstein”

di
30 Aprile 2019

“Un nuovo patto del Nazareno sarebbe la cosa da fare. Il ritorno di un bisogno a stare insieme dei moderati matura a prescindere dalla mia volontà. Non solo a Gela il laboratorio è aperto da tempo. C’e’ una parte del Pd con cui ragioniamo. Da tempo. Mentre una parte di Forza Italia pensa di potere andare con la Lega”. Lo dice al Corriere della Sera Gianfranco Micciche‘, coordinatore di Forza Italia in Sicilia, all’indomani dell’intervista che ha reso sugli stessi argomenti a ilSicilia.it.

“Abbiamo cominciato a ragionare con Sicilia Futura, con l’ex ministro Salvatore Cardinale”, aggiunge il presidente dell’Assemblea regionale siciliana. “Davide Faraone e i renziani? Fase dialogante ma non concludente. Sino ad oggi. Parlano, parlano, ma non si concretizza. E bisognerebbe farlo”.

A proposito dell’esito delle Amministrative, Miccichè si ritiene soddisfatto, soprattutto guardando a Caltanissetta: “Nell’unico capoluogo di provincia dove si votava stavamo per farcela al primo turno. Al ballottaggio per un pelo. Clamoroso. Forza Italia con le nostre due liste è al 23 per cento, il doppio dei grillini di Giancarlo Cancelleri, nella sua città. Che soddisfazione”.

Centrodestra perdente senza la Lega? I risultati dimostrano che, rispetto a ieri, siamo cresciuti. Non è che uno si deve vantare, ma lasciatemi fare Crozza quando imita De Luca: ogni tanto è doveroso affermare la propria capacità rispetto ad altri. Quando ho ripreso le redini di Forza Italia come coordinatore, in Sicilia il partito non riusciva ad eleggere più nemmeno un consigliere comunale. Oggi è un altro mondo. Esiste il nuovo partito“.

Fabio Cantarella
Fabio Cantarella

Non tardano le reazioni alle affermazioni di Miccichè: “Il laboratorio politico propugnato Gianfranco Miccichè – dice Fabio Cantarella, responsabile Enti locali della Lega in Sicilia – mi ricorda francamente quello del dottor Frankenstein dove nascevano creature mostruose. La Lega continuera’ a lavorare per la nascita di un centrodestra diverso anche in Sicilia”.

“Sono convinto – sottolinea Cantarellache se il centrodestra avesse seguito la linea di rinnovamento nelle facce e nei metodi perseguita e proposta dalla Lega ci sarebbero stati tanti eletti al primo turno. Purtroppo Miccichè ha imposto volti vecchi e logiche consunte oltre che ammucchiate con il Pd mascherate da civismo”.

“Tra 15 giorni non sceglieremo solo i sindaci di alcune importanti città ma anche la fisionomia del centrodestra siciliano: quello di Salvini che governa con successo in molte regioni italiane o quello gattopardesco di Miccichè. Sempre che quello del commissario di Forza Italia – conclude Cantarella – possa definirsi ancora centrodestra”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.