Miccichè: "La gente mi aggredisce per strada, io vittima della demagogia di Giletti" :ilSicilia.it

"Con i tagli agli stipendi non si va avanti"

Miccichè: “La gente mi aggredisce per strada, io vittima della demagogia di Giletti”

di
18 Aprile 2018

“Ieri sera mi trovavo in un locale e un signore mi ha aggredito verbalmente, accusandomi di continuare a fare assunzioni fregandomene di chi è povero. La gente mi ritiene il massacratore dei poveri perché certa stampa mi definisce in questo modo. Certi giornali mi continuano ad attaccare quando invece continuiamo a fare tagli e a risparmiare”, perché “alla fine se la stampa fa così io mi adeguo, legnate per strada non ne voglio prendere. A dirlo nel corso di un forum dell’agenzia di stampa Italpress è il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè

miccichè“Per sconfiggere la povertà bisogna trovare sistemi diversi dei tagli ai costi della politica e degli stipendi dei dirigenti”. Il presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, prosegue: “Purtroppo oggi siamo vittime di una demagogia senza precedenti che ucciderà questo Paese – ha aggiunto Miccichè – La verità è che ci avviamo a grandi passi verso la peggiore classe dirigente che l’Italia abbia mai avuto. La parola d’ordine è ‘tagliare’. Sembra che si viva solo di tagli… non si capisce che tagliando gli stipendi risparmieremo 100 ma perderemo 10 mila in termini di produttività. Se un discorso del genere lo facesse la Fiat pensate che Marchionne continuerebbe a fare l’amministratore delegato? Probabilmente sceglierebbe un lavoro nel quale si diverte di più e ha meno responsabilità”, ha aggiunto Miccichè.

“Chi è più bravo deve essere pagato più degli altri. Sono queste le regole del mercato”. 

E poi si scaglia contro Massimo Giletti, conduttore di Non è l’Arena: “La verità è che secondo certi esponenti del clero, alcuni esponenti della politica e una certa stampa, assolutamente in malafede, sembra che oggi l’unico successo sia quello di tagliare i costi”, invece così facendo “questo Paese andrà sbattere”, ha aggiunto Miccichè.Per alcuni giornalisti il successo è solo superare Massimo Giletti (conduttore di numerose trasmissioni sui costi della politica in Sicilia, ndr)”, ha continuato il presidente dell’Ars.

miccichè

Il presidente dell’Ars deve essere libero di potere usare il budget a sua disposizione, i fondi a sua disposizione, come meglio crede per ottimizzare il funzionamento del Parlamento. Da presidente avrò diritto di spendere il budget a mia disposizione come credo sia più opportuno e come credo sia meglio per l’Assemblea? Non è che Miccichè un giorno impazzisce e spende questi fondi in pane e panelle – continua il presidente dell’Ars -, perché se così fosse il Consiglio di presidenza e il collegio dei questori interverrebbero. Ma se all’interno di questo budget decido di avere dieci collaboratori, che mi aiutino – per fare un esempio – a meglio a esaminare la legge finanziaria, devo poterlo fare senza essere criticato”.

Se non avessi avuto il vitalizio, nel periodo in cui non sono stato deputato, probabilmente sarei stato costretto a tornare a vivere con mio padre che ha 97 anni, in attesa di maturare i 67 anni per la pensione. Sarei stato costretto a chiedere l’elemosina davanti a una chiesa. È questo che si vuole oggi dalla politica? E’ questo quello che vogliono i Cinquestelle?”.

miccichèI Cinquestelle “credo stiano studiando un sistema per cui il vitalizio gli arriverà comunque, non dall’Ars ma dalle assicurazioni. Con la minore contribuzione dovuta dal deputato in caso di taglio dei vitalizi stipuleranno delle assicurazioni. Ho detto a Giancarlo Cancelleri (vicepresidente M5S dell’Ars, ndr), di spiegarmi come faranno, possibilmente tornerà utile a tutti”, ha aggiunto.

Miccichè è un fiume in piena come non si vedeva da tempo. Sui tagli ai costi della politica e agli stipendi dei manager e dei dirigenti pubblici non fa sconti a nessuno: “Certa stampa mi ha disegnato in questi mesi come un massacratore dei poveri. Ma io che c’entro con gli stipendi con i portaborse dell’Ars? Sapete che faccio? Vi do’ una notizia in anteprima: Quest’anno daremo 2 milioni di euro in meno ai gruppi parlamentari proprio per i portaborse. Complessivamente risparmieremo 4 milioni di euro. Alla Regione chiederemo un milione di euro in meno. Sono certo che certi giornali domani non ne parleranno o troveranno il modo per criticare anche questo…”

Il presidente forzista del parlamento siciliano non le manda a dire.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.