Miccichè: "Non cercherò i leghisti per sparargli, ma sono dei buzzurri" :ilSicilia.it

Prosegue l'affondo, dopo il "li ammazzerei a uno a uno"

Miccichè: “Non cercherò i leghisti per sparargli, ma sono dei buzzurri”

di
3 Giugno 2019

“Vorrei che fosse chiaro che quando dico ‘li ammazzerei a uno a uno‘ non vado a cercarli a uno a uno per sparargli. Ma che siano ‘buzzurri‘ lo penso assolutamente, ma questo non è violento”. Così il presidente dell’Assemblea siciliana e commissario di Forza Italia in Sicilia, Gianfranco Miccichè, precisando le dichiarazioni che aveva fatto su chi nell’isola ha votato Lega alle europee e sui leghisti.

Il presidente dell’Ars, parlando dell’ipotesi crisi e voto anticipato alle politiche, dice di non temere il Carroccio: “Nuove elezioni? Forza Italia è prontissima e non temo il boom di Salvini: decide la gente”.

Si va a votare sicuro. Dipende solo dal presidente della Repubblica. Bisogna vedere se questo governo è veramente nelle condizioni di fare la finanziaria, ma non ne sono sicuro. Probabile che si vada a votare prima e il nuovo governo dovrà assumersi la responsabilità di fare questa finanziaria folle. Ovviamente è tutto scoperto quello che loro avevano finanziato”.

miccicheConversando con i cronisti a Palazzo dei Normanni, Miccichè torna sulla questione della Tonnara di Favignana: “Il ministro deve agire, la Regione non può fare niente, possiamo protestare come stiamo facendo. Io ho parlato con la famiglia Castiglione, mi hanno detto che sono nei guai, avevano investito tanto per riaprire la tonnara e adesso la chiuderanno a meno che non ci sia un colpo di genio che riesca a risolvere la situazione. Bisogna ringraziare la Lega, assolutamente. Sono stati molto carini, specialmente dopo aver preso il 30% dei voti a Favignana: mi sembra una bella risposta. Quello che la gente si aspettava”. 

Infine Miccichè parla del collegato alla finanziaria: “Si dovrebbe fare in tempi brevi. Sui contenuti le scelte definitive saranno fatte dal governo e dall’aula”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin